Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il bene e il male

Condividi

5 marzo 2017 – Prima Domenica di Quaresima

Vangelo secondo Matteo 4,1-11

In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”». Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».

Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”». Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

IL BENE E IL MALE

Il bene e il male non stanno nelle cose che usiamo, ma nell’uso che ne facciamo. Certamente abbiamo bisogno del pane e di ogni altro cibo, e Dio è già intervenuto facendo fiorire la terra. Abbiamo bisogno di Dio nelle difficoltà della vita e in ogni circostanza, ma perché pretendere da lui cose impossibili e fantasiose? Abbiamo bisogno di avere dei beni, la casa, il giardino, i soldi, ma perché vogliamo diventare padroni del mondo? Siamo tentati di superare la misura, e vogliamo mettere Dio e il prossimo al servizio del nostro capriccio e dei nostri vizi.

Qui scoppiano le usurpazioni, e si aprono i sentieri della corruzione. Risultato? Non solo attorno a noi si deforma il mondo e decade la società, ma il nostro stesso cuore diventa infelice. Come vincere allora le tentazioni che inducono a fare il male a noi stessi e agli altri? Gesù ha vinto in forza di un’attrattiva più grande: il suo rapporto con il Padre. Il male può essere vinto solo con il bene. Il bene più grande è un cuore libero di amare Dio e il prossimo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni