Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da un artista ebreo la canzone perfetta per il Mercoledì delle Ceneri

Condividi

I testi richiamano sia i Salmi che il rito cattolico

Lo ammetto, cercavo una scusa per pubblicare una canzone di quello che probabilmente è il mio artista preferito di tutti i tempi: Matisyahu (che in ebraico sta per Matteo). Mi ha conquistata nel 2005, quando mio fratello mi ha fatto ascoltare il suo album Live at Stubb.

Quando stavo pensando a una canzone da proporvi per il Mercoledì delle Ceneri, sapevo che era finalmente arrivato il suo tempo. Ovviamente molti nostri talentuosi artisti cattolici contemporanei hanno toccato temi importanti, ma è stato un ebreo di New York a centrare il punto della questione.

Ogni Mercoledì delle Ceneri, quando ricevo le mie ceneri – oltre, naturalmente, a meditare sul peccato, sulla penitenza, e tornare al Signore – mi viene in testa “On Nature” di Matisyahu. Il ritornello dice:

We are men of nature  //  We are made from the earth  // At the end of my eighty, I’ll return to the dirt  //  Just sand, just rock, dry land, fast and silent  //  Only bein’ only breathin’  //  We’re just children of believers (traducibile grossomodo come: Siamo uomini di natura // Siamo creati dalla terra // Dopo i miei ottant’anni, tornerò alla polvere // solo sabbia, roccia, terra arida, digiuno e silenzio // Esistiamo, respiriamo // Siamo solo figli dei credenti)

Dovrebbero venirvi in mente le parole del rito del Mercoledì delle Ceneri, in questo momento: “Memento, homo, quia pulvis es, et in pulverem reverteris“, “Ricordati uomo, che polvere sei e polvere ritornerai”.

Assomigliano molto anche alle parole del salmista, nel Salmo 89:10:

Gli anni della nostra vita sono settanta, ottanta per i più robusti, ma quasi tutti sono fatica, dolore; passano presto e noi ci dileguiamo.

È un giorno in cui ricordarci che dobbiamo morire. Le ceneri sono “un segno esteriore di ciò che, a prescindere se siamo dei re o dei folli, diventeremo: cenere”.

È una realtà universale, ecco perché non doveva essere necessariamente un cattolico a scrivere una canzone straordinaria per il Mercoledì delle Ceneri. “Or dunque – parola del Signore – ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore vostro Dio” (Gioele 2:12-13).

P.S.: Ecco una bellissima versione di “On Nature” di Matisyahu, cantata insieme al PS22 Chorus di Staten Island:

 

Per restare aggiornati sui vostri artisti preferiti e per scoprire nuova musica ogni giorno, seguite Cecilia su Facebook.

Libby Reichert

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.