Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

A Lombardi la “Legione d’Onore”, massima onorificenza in Francia

Condividi

Una carriera dedicata alla comunicazione al servizio della Santa Sede e l’attenzione alla francofonia, attraverso il prezioso impegno per la trasmissione in tutto il mondo di programmi in lingua francese della Radio Vaticana. Sono queste le motivazioni del conferimento ieri sera della «Legione d’Onore», la massima onorificenza di Francia, a padre Federico Lombardi, attualmente presidente della Fondazione Joseph Ratzinger e già direttore della Sala stampa della Santa Sede, della Radio Vaticana e del Centro televisivo vaticano. 

Nella sede dell’ambasciata di Francia presso la Santa Sede, durante la cerimonia di conferimento – riferisce la Radio Vaticana – padre Lombardi, senza nascondere la propria commozione, ha legato ricordi lontani e recenti a sentimenti profondi, soffermandosi sul lungo cammino al servizio della Santa Sede. Ha sottolineato che la Legione d’Onore è un riconoscimento non tanto al suo impegno ma a quello delle persone che hanno collaborato con lui in diverse istituzioni. E proprio a questa composita comunità di lavoro, che nel corso degli anni ha reso un encomiabile servizio anche alla Francia, ha dedicato la prestigiosa onorificenza. 

In particolare, Lombardi ha menzionato il lavoro della Radio Vaticana: «Abbiamo cercato di far giungere efficacemente in Francia e in tutte le regioni della francofonia mondiale la voce del Papa, l’eco della vita della Chiesa universale e anche l’informazione sull’attualità del mondo come premessa indispensabile per la comprensione delle preoccupazioni e dei messaggi della Chiesa nel nostro tempo». 

Dai tempi della seconda guerra mondiale – ha detto – si è cercato di raggiungere gli ascoltatori di lingua francese prima con le onde corte poi da Santa Maria di Galeria e con i satelliti e infine con internet, entrando nel mondo della multimedialità. L’augurio di tutto cuore – ha concluso – è che questo servizio «continui e si sviluppi in futuro nelle forme più adatte al progresso dei tempi».  

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni