Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconvaticano notizie
line break icon

Le parole di Cupich e Wuerl sull’ordine esecutivo di Trump

Vatican Insider - pubblicato il 30/01/17

Il giudizio è netto: «Un fine settimana oscuro per gli Stati Uniti. Un provvedimento contrario tanto ai valori cattolici quanto a quelli americani». Così il cardinale Blaise Cupich, arcivescovo di Chicago, ha definito l’executive order con il quale il presidente americano Donald Trump ha posto nuove restrizioni per i rifugiati provenienti dai Paesi musulmani, anche nel caso si tratti di persone che hanno già un permesso di soggiorno negli Usa. La traduzione delle parole del porporato statunitense è stata messa online dalla rivista Mondo e Missione. 

«Questo fine settimana si è rivelato un momento oscuro nella storia degli Stati Uniti – ha affermato Cupich – L’ordine esecutivo per respingere i rifugiati e chiudere le porte della nostra nazione a quanti, in modo particolare musulmani, fuggono dalla violenza, dall’oppressione e dalla persecuzione è contrario tanto ai valori cattolici quanto a quelli americani. Non abbiamo forse ripetuto le disastrose decisioni di quanti nel passato hanno respinto altri popoli in fuga dalla violenza, lasciando certe etnie e religioni emarginate ed escluse? Noi cattolici conosciamo bene questa storia perché, come altri, siamo stati dall’altra parte della barricata per queste decisioni». 

«Queste azioni impongono uno stop indiscriminato e immediato ai migranti e ai rifugiati di diversi Paesi, gente che sta soffrendo e scappando per mettere in salvo le proprie vite. La predisposizione e l’applicazione di queste azioni è stata affrettata, caotica, crudele e incurante delle realtà che produrrebbero una sicurezza duratura per gli Stati Uniti». 

«Ci è stato detto che non si tratta della “messa al bando dei musulmani” – scrive ancora Cupich – che era stata proposta durante la campagna presidenziale, ma è un fatto che queste azioni sono focalizzate su Paesi a maggioranza musulmana. Fanno un’eccezione per i cristiani e le minoranze non musulmane, ma non per quei profughi musulmani che scappano per mettere in salvo le proprie vite. Ironia della sorte, questa messa al bando non include il Paese d’origine di 15 dei 19 attentatori dell’11 settembre», ha sottolineato il cardinale, con un evidente riferimento all’Arabia Saudita.  

Gli Stati Uniti, ha affermato l’arcivescovo di Chicago, «hanno una lunga storia di accoglienza ai rifugiati che fuggono per salvare le proprie vite e le organizzazioni cattoliche hanno aiutato a reinserirsi molte famiglie, uomini, donne e bambini da tutto il mondo. Molti dei nostri preti, religiosi e laici hanno accompagnato questi nuovi arrivati per aiutarli in questo processo. Proprio per questa storia di aiuto nell’inserimento dei rifugiati e dei migranti che dura da decenni, sappiamo quanto sono lunghi e accurati i controlli che devono superare prima di essere ammessi nel nostro Paese. E nelle comunità locali abbiamo visto la paura iniziale trasformarsi in una generosa volontà di accogliere e integrare i rifugiati. Qui a Chicago generazioni di migranti hanno trovato una nuova casa. E ci hanno resi migliori». 

«Il mondo – ha aggiunto – ci sta guardando mentre abbandoniamo il nostro impegno di fedeltà ai valori dell’America. Queste azioni aiutano e rafforzano quanti vorrebbero distruggere il nostro stile di vita. Fanno diminuire la nostra stima agli occhi dei molti popoli che vogliono riconoscere nell’America il Paese che difende i diritti umani e la libertà religiosa, non una nazione che mette nel mirino dei gruppi religiosi e poi chiude loro le sue porte». Cupich ha concluso ricordando le parole usate da Papa Francesco nel suo storico discorso al Congresso, nel settembre 2015: «Se vogliamo sicurezza, diamo sicurezza; se vogliamo vita, diamo vita; se vogliamo opportunità, provvediamo opportunità. La misura che usiamo per gli altri sarà la misura che il tempo userà per noi». 

Sul provvedimento di Trump è intervenuto anche l’arcivescovo di Washington Donald Wuerl, con una lettera ai sacerdoti della sua diocesi.

«In questo momento, la situazione giuridica è ancora fluida e le notizie sono a volte confuse, ma nel frattempo, persone reali sono state colpite». Il cardinale ricorda che «siamo chiamati a prenderci cura gli uni degli altri, sia che si tratti di un nostro vicino di casa di lunga data, sia che si tratti di un nuovo arrivato nella nostra nazione che cerca di salvarsi da brutali persecuzioni religiose e politiche». Wuerl ha quindi citato queste recenti parole di Francesco: «La rivelazione biblica ci spinge ad accogliere lo straniero; ci dice che così facendo apriamo le nostre porte a Dio, e che nei volti degli altri vediamo il volto di Cristo stesso». 

Il cardinale ha spiegato che «nella nostra Chiesa di Washington, ci sforziamo di fare proprio questo ogni giorno, attraverso la nostra cura pastorale, attraverso i nostri numerosi servizi a livello parrocchiale e alla Caritas, e in alcuni casi, semplicemente alzando le nostre voci per affermare la dignità di ogni vita umana».  

«Attraverso organizzazioni quali i Cavalieri di Colombo e in difesa dei cristiani – ha scritto Wuerl – dobbiamo continuare a far sentire la nostra voce, sollecitando il governo degli Stati Uniti di accogliere in modo particolare i profughi cristiani, che sono stati oggetto di un genocidio, e tutti gli uomini, donne e bambini in fuga dalle persecuzioni, che siano protetti e accolti dopo rapido ma adeguato screening. Attraverso i nostri programmi di immigrati e di sensibilizzazione dei rifugiati, dobbiamo continuare a servire come segno visibile della misericordia di Dio e a mostrare la nostra solidarietà verso i nostri fratelli e sorelle, non importa da quanto lontano essi arrivino». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni