Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

8 cose da sapere se si vuol “provare” il battesimo degli ortodossi

Condividi

Ci sono alcune norme per l’immersione nelle acque gelide di una tradizione diventata ormai popolare

Nella notte tra il 18 e il 19 gennaio i cristiani ortodossi festeggiano il Battesimo di Gesù, “Krescheniye” in russo. Secondo il credo bisogna immergersi nell’acqua, fare tre volte il segno della croce e dire una preghiera. Ecco 10 cose da sapere per conoscere meglio (e magari replicare) questa tradizione (sputniknews.it, 20 gennaio).

Questo rito viene svolto dai cristiani ortodossi in memoria del battesimo di Gesù Cristo nelle acque del fiume Giordano.

Ci sono circa 4000 posti in Russia dove ci si può immergere per fare il bagno dell’epifania. L’Epifania alla pari della Pasqua è una delle più antiche feste cristiane, e in Russia, tradizionalmente viene accompagnata da un bagno di massa.

Secondo la protezione civile russa, nel 2016 in Russia hanno fatto il bagno nel giorno dell’Epifania più di 2 milioni di persone. La gente segue il rito sia nelle grandi città che nei piccoli villaggi, in Siberia, negli Urali e in tutta la parte Europea della Russia.

Col tempo, da religiosa l’usanza è diventata tradizione popolare, ed il 19 gennaio in molti, anche non credenti, decidono di provare l’abluzione nell’acqua gelata, che, secondo la credenza popolare solo in questo giorno lava via i peccati e le malattie.


LEGGI ANCHE: Cattolici e ortodossi: l’ABC delle differenze e dei punti in comune


1) SOLO NELLE AREE ATTREZZATE

Il primo consiglio di Sputnik News è quello di fare il bagno negli specchi d’acqua attrezzati, con scalette e spogliatoi e presidiati da personale medico e della protezione civile.

2) LAVARSI CON L’ACQUA FREDDA

L’abluzione è una fonte di stress per il proprio corpo ed è bene prepararsi. Con una pratica regolare (o almeno da una settimana prima) di lavaggio del corpo con l’acqua fredda.

3) PORTARE IL CORPO A TEMPERATURA

Prima di procedere con il fatidico bagno occorre portare “a temperatura” il corpo, che non vuol dire spogliarsi e congelare, ma da vestiti fare qualche minuto di esercizi aerobici a bassa intensità per riscaldare i muscoli e poi, progressivamente togliersi tutti i vestiti di dosso.

4) SLIP E BIKINI

Indossare delle scarpe da ginnastica o delle ciabatte con una suola di gomma abbastanza resistente da non congelare e rimanere attaccata alla neve o scivolare sul ghiaccio. Siccome si tratta pur sempre di un momento spirituale, le donne fanno meglio ad indossare una maglia sopra il bikini, mentre gli uomini ad immergersi con dei pantaloncini corti al posto del costume a slip.

5) NO ALL’ALCOL

Niente vodka prima del bagno. L’alcool impone un carico aggiuntivo ai vasi sanguigni e altera la percezione della realtà: da brilli si compiono gesti che da sobri non si farebbero, e nell’acqua gelata questo potrebbe causare infortuni.


LEGGI ANCHE: Se Gesù era senza pecatto, perché è stato battezzato?


6) UN MINUTO IN ACQUA

In generale nell’acqua gelida non si resta mai oltre il minuto, sia che si compia l’abluzione religiosa con il segno della croce, sia che ci si immerga semplicemente. In ogni caso bisogna approcciare l’uscita dall’acqua con cautela, aggrappandosi alla scaletta ed uscendo lentamente, per evitare il rischio di scivolare e/o scontrarsi con chi sta entrando. Una volta “riemersi” avvolgersi intorno al corpo un asciugamano.

7) L’ASPETTO SACRO

La liturgia ortodossa prevede che nella mattina del 18 gennaio venga celebrata la messa del Battesimo di Cristo, al termine della quale il sacerdote benedice l’acqua, che viene distribuita a tutti, fedeli e non. Quest’acqua viene conservata per tutto l’anno in casa oppure sfruttata per le sue proprietà benefiche: ad esempio viene usata per bagnarsi parti del corpo dolenti, oppure innaffiare piante o il giardino.

8) … E PROFANO

Ci sono alcune superstizioni che riguardano il tempo nella notte tra il 18 e il 19 gennaio. Se il cielo è limpido e si vedono le stelle, la primavera arriverà in anticipo, l’estate sarà calda e l’autunno piovoso. Se nevica oppure c’è tanta neve intorno allo specchio d’acqua (quindi quasi ovunque in Russia) significa che i raccolti saranno ricchi e per tutto l’anno non vi saranno epidemie o carestie.

La festa del Battesimo di Cristo viene osservata in tutti i paesi ortodossi. Oltre la Russia, anche in Serbia, Grecia, Bulgaria, Ucraina, Armenia e Georgia si pratica l’usanza del bagno nell’acqua. Che non sempre è ghiacciata. Il 19 gennaio ogni fonte naturale è pura, quindi capita di vedere fedeli ortodossi e non, praticare l’abluzione anche nelle acque del mar Nero del Danubio.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.