Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Il satanismo come fenomeno sociale

© Public Domain

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 13/01/17

Che cosa può dire rispetto ai casi di cronaca italiana degli scorsi anni, dai «bambini di Satana» all’omicidio di suor Maria Laura Mainetti?

«In Italia abbiamo avuto quattro episodi rilevanti molto diversi fra loro. Il primo riguarda i Bambini di Satana, fondati nel 1982 a Bologna da Marco Dimitri, che per qualche anno hanno avuto un relativo successo, radunando oltre cento adepti. Dimitri ha giocato molto con I talk show televisivi, rendendosi disponibile a recitare la parte del satanista tipico, assicurandosi una certa pubblicità. Ma quella pubblicità è stata un boomerang e Dimitri ha finito per essere arrestato nel 1996, accusato di gravi crimini che però non aveva commesso. Nel 2000 è stato condannato solo per evasione fiscale. Il secondo episodio riguarda suor Laura Mainetti (1939-2000), massacrata nel 2000 a Sondrio da tre ragazzine eccitate da storie di satanismo e dalla propaganda violentemente anticattolica che trovavano su Internet, anche se non erano in contatto con nessun gruppo satanico specifico. La suora è morta perdonando le sue assassine ed è in corso la sua causa di beatificazione. Del terzo episodio, tragico e sempre del 2000, sono stato personalmente testimone. Riguarda don Giorgio Govoni (1941-2000), un parroco della Bassa Modenese accusato da un’assistente sociale di violentare e perfino uccidere bambini nel corso di riti satanici. Rinviato a giudizio, dopo un’arringa particolarmente dura contro di lui del pubblico ministero morì di infarto. In appello e in Cassazione la tesi che avevo sostenuto come perito della difesa di don Giorgio, secondo cui l’assistente sociale in questione era stata semplicemente suggestionata dalla letteratura anti-satanista americana, fu pienamente accettata dai giudici. Oggi la diocesi di Modena ha dato il nome di don Govoni a una casa di ricovero per I poveri e ogni anno ne onora la memoria come vittima innocente di un tragico equivoco. Il quarto caso riguarda le Bestie di Satana, un gruppo di una decina di giovani della zona di Varese scoperti nel 2004 e condannati per tre omicidi, anche se potrebbero averne commessi di più. Si tratta di uno dei casi di gruppuscoli segreti dediti ad attività criminali che citavo, responsabili di qualche cosa che assomiglia effettivamente a sacrifici umani in nome di Satana. Casi reali, ma per fortuna molto rari».

Si è parlato molto di «rock satanico». Che cos’è? Lei che cosa ne pensa?

«L’espressione rock satanico è imprecisa. Ci sono stati musicisti rock che hanno parlato del diavolo con simpatia nelle loro canzoni, basta ricordare “Sympathy for the Devil” dei Rolling Stones. Tuttavia il genere musicale che c’entra effettivamente con il satanismo è l’Heavy Metal, che è distinto in tutta una serie di sottogeneri, alcuni dei quali rubricati come Extreme Metal. In non tutto l’Heavy Metal, e neppure in tutto l’Extreme Metal, è diffuso il satanismo. Alcuni gruppi del sottogenere Death Metal e un buon numero di gruppi di un altro sottogenere, il Black Metal, inneggiano al satanismo nelle loro canzoni. Per alcuni si tratta di un satanismo estetico o di espedienti commerciali per rendersi interessanti, ma altri hanno avuto veri contatti con il mondo satanista e hanno anche commesso crimini in nome di Satana. Alcuni musicisti del Black Metal scandinavo si erano specializzati nel bruciare chiese cristiane in legno e in Norvegia è andata in fumo così una parte importante del patrimonio delle chiese lignee medievali e dei primi secoli moderni. Ci sono stati anche omicidi e un paio di casi di suicidi rituali. Occorre però fare due precisazioni. Primo, secondo un’enciclopedia specializzata ci sono oggi nel mondo oltre venticinquemila gruppi musicali Black Metal. È un fenomeno ormai globalizzato, con gruppi in Giappone, in Nepal e perfino in Iraq e in Arabia Saudita – tra l’altro, in alcuni di questi Paesi il Black Metal è stato il veicolo per importare un satanismo del tutto estraneo alle tradizioni locali. Di questi venticinquemila gruppi solo una minoranza ha veri contatti con il satanismo, e certamente sarebbe caricaturale pensare che tutte le centinaia di migliaia di persone che vanno a concerti Black Metal siano sataniste. Secondo, il satanismo dei gruppi Black Metal più estremi non assomiglia ad altre forme di satanismo. In genere i satanisti venerano il diavolo perché lo considerano un personaggio positivo, un liberatore del genere umano dalla dittatura di un Dio severo e crudele. In un certo Black Metal invece non si venera Satana perché è buono ma perché è cattivo, inneggiando esplicitamente al male, alla violenza e alla distruzione. Il norvegese Varg Vikernes, uno dei grandi nomi del Black Metal – anche se oggi ha cambiato qualche idea dopo gli anni trascorsi in prigione per i roghi di chiese e un omicidio – scriveva all’epoca che le varie Chiese di Satana “non sono vere chiese di Satana perché venerano la vita e la felicità. Io invece adoro la morte, il male e tutte le cose oscure”».

QUI L’ORIGINALE

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
diavolo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni