Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconvaticano notizie
line break icon

Turchia, l’arcivescovo di Smirne: colpiti e preoccupati dopo l’attentato

Vatican Insider - pubblicato il 02/01/17

«Siamo stati tutti colpiti dall’attentato terroristico di Capodanno, anche se qui a Smirne, per fortuna, la situazione appare per il momento tranquilla per noi cristiani. Ma la preoccupazione resta». È quanto riferisce monsignor Lorenzo Piretto, domenicano piemontese, arcivescovo di Smirne, la terza città della Turchia dopo Istanbul e la capitale Ankara, con oltre 4 milioni di abitanti di cui 15.000 sono i cristiani battezzati con rito cattolico.  

«La polizia turca ci protegge. Grazie a Dio, a Smirne non ci sono stati attacchi o attentati, siamo un’oasi relativamente tranquilla ma ovviamente risentiamo comunque di questa situazione di tensione e di incertezza», spiega ancora Piretto.  

«La popolazione non è radicalizzata, è tutta contro l’Isis e i terroristi fondamentalisti che seminano odio contro i cristiani e in genere gli occidentali, come dimostra l’attentato al locale di Istanbul dove anche tanti stranieri festeggiavano il Capodanno, una festa ritenuta `eretica´ da questi fondamentalisti islamici», ricorda l’arcivescovo di Smirne.  

Monsignor Piretto sottolinea che «la guerra in Siria ai nostri confini nonché la questione dei curdi contribuiscono a complicare ancor più una situazione in Turchia che di per sé non è certo facile».  

Quanto all’atteggiamento del presidente turco Erdogan, l’arcivescovo di Smirne si limita a osservare che «ha sempre dimostrato attenzione nei confronti delle minoranze cristiane e ci ha indirizzato gli auguri per il Natale». Ma, aggiunge, «la tv non ha dato grande risalto all’intervento di Papa Francesco dopo l’attentato; tanti musulmani sono però venuti domenica alla Casa di Maria a Efeso dove abbiamo celebrato la messa nella solennità della Madonna. Speriamo che sia un segno di riconciliazione».  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni