Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Sant'Evaristo
Stile di vita

Sei stato scout? Avrai meno rischi di avere una malattia mentale

Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 31/12/16

Lo dice l'università di Edimburgo, in una ricerca pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health

E’ uno degli studi recenti che ha fatto più discutere. Chi da bambino è stato uno scout ha meno rischi di sviluppare malattie mentali una volta arrivato ai 50 anni.

Lo dice l’università di Edimburgo, in una ricerca pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health. I risultati, estrapolati da una vasta ricerca condotta su quasi 10.000 persone nate nel novembre 1958 nel Regno Unito, hanno mostrato che chi apparteneva agli scout aveva una migliore salute mentale a 50 anni.

I DATI

Circa un quarto dei partecipanti allo studio era stato negli scout, e aveva il 15% in meno di possibilità di soffrire di ansia e disturbi dell’umore rispetto agli altri (Ansa, 10 novembre).

Le attività che si fanno in questi gruppi aiutano a sviluppare la capacità di recupero contro i comuni stress, e aumentano le chance di avere più successo nella vita. Cosa che riduce le esperienze stressanti.

DAL 1907

Che lo scoutismo, promuovendo la vita all’aria aperta, il gioco, il movimento giovasse alla salute fisica e al benessere dei bambini e dei ragazzi è cosa non solo nota, anche intuitiva. Ma che il metodo educativo fondato in Inghilterra nel 1907 dal Lord Robert Baden-Powell, avesse un impatto statisticamente rilevabile sulla salute mentale e, soprattutto, che i suoi effetti positivi si cogliessero a distanza di decenni dalle notti in tenda e dalle avventure in montagna è una novità. Soprattutto per i milioni di ex ragazzi e ragazze di tutto il mondo che divisa e fazzoletto li hanno indossati svariati anni fa (La Repubblica, 10 novembre).

“UNA PROVA IMPORTANTE”

Richard Mitchell, professore del Centre for Research on Environment, Society and Health, Università di Glasgow e co-autore dell’indagine, ha dichiarato in una nota rilasciata dall’ateneo: «I governi e i servizi sanitari di tutto il mondo cercano di contrastare il divario di salute tra persone più ricche e più povere, per questa ragione, questa nuova prova che fare lo scout può aiutare, è importante» (cresh.org.uk, 10 novembre).


LEGGI ANCHE: Le 10 ragioni per assumere una persona che è stata scout, secondo la rivista Forbes

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
scout
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni