Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cucire peluches per regalare un sorriso. La sfida di un ragazzino di 12 anni

Tasmanian Community Achievement Awards / Facebook
Condividi

Campbell Remess, giovanissimo cittadino della Tasmania, occupa il suo tempo libero così. Per il bene degli altri.

Ha 12 anni, è un ragazzino come molti altri, ma a differenza di molti suoi coetanei ha deciso che il suo hobby doveva essere qualcosa di costruttivo, che desse sollievo al prossimo. E così il giovane Campbell quando torna da scuola invece di giocare con i videogames, cuce peluches per i bambini malati dell’ospedale.

Si chiama “Project 365” l’iniziativa che questo straordinario 12enne della Tasmania (in Australia) ha ideato e realizzato per donare un sorriso a quei bambini che spesso non riescono a sentirsi come tutti gli altri. Su Facebook ha ormai raggiunto una audience di 30 milioni di fan e raccolto fondi per un ammontare di più di 8mila dollari. Il tutto con un’idea tutto sommato semplice: realizzare un orsacchiotto al giorno, dedicando alcune ore libere del suo pomeriggio, e poi regalare le sue creazioni a tutti quei bambini costretti a passare le loro giornate in ospedale (Huffington Post).

“Quando avevo 9 anni ho chiesto a mamma e papà se avrei potuto comprare dei regali di Natale per i bambini ricoverati, ma loro mi hanno risposto che costavano troppo. Allora ho deciso di fabbricarli da me”. È così che è nata l’idea semplice ma concretissima e molto importante per le centinaia di piccoli pazienti che ogni giorno ricevono un dono da Bumble – questo è infatti il soprannome del 12enne che ha già realizzato 400 peluches e che, come prossimo impegno, ha quello di organizzare una cena di beneficienza per i malati di cancro.

Davvero una testimonianza luminosa!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.