Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconvaticano notizie
line break icon

Australia, arriva un nuovo ente di controllo sulla pedofilia nella Chiesa

Vatican Insider - pubblicato il 22/11/16

Un nuovo ente indipendente avrà il compito di `additare e far vergognare´ (`name and shame´) le entità della Chiesa cattolica in Australia che non aderiranno ai nuovi standard nazionali adottati dalla chiesa stessa per proteggere i minori e gli adulti vulnerabili. L’ente Catholic Professional Standards Ltd (CPS) avrà compiti di controllo sulla Chiesa cattolica australiana, ha annunciato oggi il vice presidente della Conferenza episcopale australiana, l’arcivescovo di Brisbane Mark Coleridge. 

L’annuncio mira a ristabilire la fiducia distrutta dalla cattiva risposta da parte della Chiesa verso i numerosissimi abusi sessuali di minori da parte del clero commessi negli ultimi decenni ed è una dimostrazione della volontà di agire concretamene, in anticipazione di ulteriori dure critiche da parte della Commissione d’inchiesta che da più di tre anni indaga sulle risposte istituzionali agli abusi sessuali sui minori, e che terrà le udienze finali sulla Chiesa cattolica in febbraio. 

«Fra le tante mancanze della Chiesa vi è stata l’assenza di un intero sistema di responsabilità e di standard nazionali chiari, coerenti e comprensivi. Il nuovo ente rappresenta la risposta ponderata a una crisi che è stata straziante per tante persone», ha detto il vescovo. «Abbiamo imparato moltissime cose durante il doloroso percorso della commissione d’inchiesta e adesso siamo pronti a prendere l’iniziativa», ha aggiunto 

La CPS definirà gli standard professionali, eserciterà controllo e riferirà sull’aderenza agli standard stessi. Non avrà il potere di costringere le autorità della Chiesa a cambiare la maniera in cui operano o di punire chi manca di rispettare i nuovi standard, ma il vescovo Coleridge assicura che la pubblica denuncia di mancanze avrà l’effetto di `additare e far vergognare´, «che è di per sé una cosa piuttosto potente». I compiti del nuovo ente tuttavia non includono la gestione delle denunce di abusi. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni