Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 suggerimenti spirituali per far fronte alla calunnia

Condividi

Perdonare una calunnia è un gesto di grande fiducia in Dio e di amore verso il prossimo

San Gregorio Magno diceva: “Dall’invidia nascono l’odio, la maldicenza, la calunnia, la gioia causata dalla sventura del prossimo e il dispiacere causato dalla sua fortuna”. Ed aveva ragione, perché sostanzialmente l’invidia è la radice di ogni calunnia.

Quando sei tu ad essere calunniato, come reagisci a questo grave danno al tuo onore? Spesso la reazione che si ha dipende dal momento in cui si viene calunniati, ma anche dal proprio carattere, dal rapporto che si ha con la persona che si è comportata in quel modo, e soprattutto dagli effetti e dalle cause della calunnia.

La calunnia si combatte con la verità. Chi calunnia è obbligato a porre rimedio al danno causato, per quanto possibile, e riconoscere pubblicamente le conseguenze negative delle proprie menzogne e insinuazioni maliziose. Non va escluso un ricorso al tribunale, se necessario, nel caso in cui la calunnia ha delle gravi conseguenze sulla vita o sulla carriera professionale (calunniare un medico, ad esempio, può fargli perdere i suoi pazienti). Ma anche questo potrebbe non essere sufficiente.

web-woman-stones-rocks-contemplation-bob-jagendorf-cc

C’è un racconto tradizionale indiano che riassume molto bene cosa può provocare una calunnia:

C’era una volta un uomo che disse cose molto brutte su un suo amico, perché era invidioso del successo che aveva raggiunto. Dopo molto tempo si pentì di quelle calunnie pesanti, che avevano ridotto l’amico in rovina. Si rivolse dunque ad un saggio, a cui disse: “Voglio porre rimedio a tutto il male che ho fatto al mio amico. Come potrei farlo?, e l’uomo gli rispose: “Prendi un sacco pieno di piume e fanne cadere, una alla volta, man mano che cammini”.


LEGGI ANCHE: Come difendersi dalle calunnie?


L’uomo, contentissimo per il semplicissimo incarico ricevuto, prese un sacco pieno di piume e in un giorno le sparpagliò tutte per la città. Tornò quindi dal saggio, e gli disse: “Ho finito”. Il saggio replicò: “Quella era la parte più facile. Adesso devi riempire il sacco con le stesse piume che conteneva prima. Vai per la strada e cercale”. L’uomo si sentì molto triste, perché sapeva ciò che avrebbe significato quel compito. Non riuscì a trovarne quasi nessuna.

Tornò dall’uomo saggio, che gli disse: “Così come non sei riuscito a trovare le piume, volate via col vento, tutto il male che hai fatto e tutte le calunnie che hai inventato sono andate di bocca in bocca e non puoi più farci niente. Va’ e chiedi perdono al tuo amico. La prossima volta ricordati che è meglio non gettare via le piume, perché poi sarà impossibile tornare a recuperarle…”

Cosa posso fare dunque davanti a queste situazioni e danneggiano il mio onore e il mio buon nome?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.