Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Umiliazioni, droga, prostituzione, aborto: le confessioni di una ex modella

Délleny Mourão - Facebook
Condividi
La modella brasiliana Délleny Mourão, di 20 anni, ha pubblicato una confessione impressionante sulle reti sociali. Tra gli esempi delle pressioni imposte a lei e alle sue colleghe, Délleny ha raccontato di aver abbandonato la carriera di modella perché era obbligata a fumare e a prendere dei lassativi e afferma che il suo contratto è stato rescisso perché lei era fuori dal range delle “misure” giuste, ovvero perché non aveva un corpo magro in modo malato come viene richiesto oggi dal mercato.

Le sue denunce vanno ben al di là di questo e rivelano un mondo scioccante, che va dalle umiliazioni quotidiane al consumo di droghe, dalla prostituzione in cambio di opportunità lavorative all’aborto indotto.

Ecco la testimonianza postata da Délleny.

Confidenza: Perché non voglio più essere una modella!

Voglio dire chiaramente che non sono una di quelle persone che espongono la propria vita su Internet, ma nella situazione in cui vivo ho bisogno e devo raccontare e scrivere abbondantemente al riguardo…

Il 17 agosto la mia ex agenzia di San Paolo (non farò nomi) ha rescisso il mio contratto per un unico motivo: NON SONO MAI RIENTRATA NELLE MISURE.

Il direttore dell’agenzia mi ha proposto di passare uno o due mesi a casa per non accumulare altri debiti (perché non lavoravo a San Paolo e non riuscivo a pagare l’affitto). Ne avrei approfittato per cercare di adattarmi alle misure, e quando fossi tornata sarei andata a Milano o a Los Angeles, secondo quanto mi ha detto. E allora ho accettato.

Sono tornata a Fortaleza. Tutti i giorni mi ammazzavo tra esercizio fisico e un’alimentazione povera, e quindi mi sono ammalata, sono diventata anemica e ho visto il mondo della moda da un’altra angolazione. Mi chiedevo tutti i giorni se valesse la pena di fare quei sacrifici.

Ho compiuto 20 anni ad agosto e non sono riuscita a festeggiarli perché ero parecchio depressa. Sapevo che quell’età era eccessiva per la moda, e oltre a grassa ora ero anche “vecchia”.

E allora, già me lo sentivo, ho ricevuto un’e-mail che mi avvisava della rescissione e di un termine scaduto, cosa della quale non ero mai stata avvisata. Sono rimasta quasi due mesi senza uscire di casa tanto ero depressa. Era svanito un sogno.

La foto che ho pubblicato è dell’epoca della São Paulo Fashion Week (SPFW), poco prima di tornare. Si può vedere chiaramente che ero/sono una persona molto magra.

LEGGI ANCHE: Una storia “terribile e magnifica” di bulimia

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni