Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconvaticano notizie
line break icon

L’appello del Papa per la Siria: immediato cessate il fuoco

Vatican Insider - pubblicato il 12/10/16

Nuovo appello del Papa sulla Siria. «Voglio sottolineare e ribadire la mia vicinanza a tutte le vittime del disumano conflitto in Siria», ha detto Francesco a conclusione dell’udienza generale in piazza San Pietro. «È con un senso di urgenza che rinnovo il mio appello, implorando, con tutta la mia forza, i responsabili, affinché si provveda a un immediato cessate il fuoco, che sia imposto e rispettato almeno per il tempo necessario a consentire l’evacuazione dei civili, soprattutto – ha scandito il Pontefice – dei bambini, che sono ancora intrappolati sotto i bombardamenti cruenti». 

Solo domenica scorsa Francesco ha annunciato che il primo dei 17 nuovi cardinali che «creerà» con un Concistoro convocato per il 19 novembre è monsignor Mario Zenari, «che rimane Nunzio Apostolico nell’amata e martoriata Siria». «Senza un accordo tra i paesi della regione è difficile costruire la pace», ha dichiarato il futuro cardinale. 

Il tema della Siria è stato frequentemente al centro dell’attenzione e delle parole del Papa, anche in occasione della visita ad Assisi per partecipare, il 20 settembre scorso, a un incontro interreligioso promosso da Francescani e comunità di Sant’Egidio nel 30esimo anniversario del primo summit voluto, nel 1986, da Giovanni Paolo II. 

Da ultimo, nel corso dell’udienza generale dello scorso 28 settembre il Papa, ricordando in particolare la situazione di Aleppo, aveva affermato: «Nell’esprimere profondo dolore e viva preoccupazione per quanto accade in questa già martoriata città, dove muoiono bambini malati ammalati giovani vecchi, tutti… rinnovo a tutti l’appello ad impegnarsi con tutte le forze nella protezione dei civili, quale obbligo imperativo ed urgente. E appello alla coscienza dei responsabili dei bombardamenti che dovranno dare conto davanti a Dio». 

Il giorno dopo, il 29 settembre, il Papa si è soffermato sulla situazione di Siria e Iraq nel corso dell’udienza riservata agli organismi caritativi cattolici che operano nel contesto della crisi umanitaria in quei paesi. In quell’occasione Francesco, alla presenza dell’inviato dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura, aveva ringraziato in particolare le Nazioni Unite «per il lavoro di sostegno e di mediazione presso i diversi Governi, affinché si concordi la fine del conflitto e si ponga finalmente al primo posto il bene delle popolazioni inermi», sottolineando che «nonostante i molti sforzi prodigati in vari ambiti, la logica delle armi e della sopraffazione, gli interessi oscuri e la violenza continuano a devastare questi Paesi» e citando, in particolare, il «recente attacco contro un convoglio umanitario dell’Onu… È l`esperienza – aveva chiosato – di quel mysterium iniquitatis, di quel male che è presente nell`uomo e nella storia e ha bisogno di essere redento. Distruggere per distruggere!». 

Il 30 settembre, ancora, in un passaggio di una preghiera che ha pronunciato nel corso di una visita alla chiesa di San Simone Bar Sabbae di Tbilisi, in Georgia, il Papa aveva pregato così: «Signore Gesù, stendi l’ombra della tua croce sui popoli in guerra: imparino la via della riconciliazione, del dialogo e del perdono; fa gustare la gioia della tua risurrezione ai popoli sfiniti dalle bombe: solleva dalla devastazione l’Iraq e la Siria; riunisci sotto la tua dolce regalità i tuoi figli dispersi: sostieni i cristiani della diaspora e dona loro l’unità della fede e dell’amore». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni