Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il film su Emanuela Orlandi? Tutte ipotesi smentite dalla Procura!

Condividi

Dove sbaglia “La verità sta nel cielo” di Roberto Faenza

«Ciò che afferma il giudice Priore – spiegava Mancini a La Stampa (24 luglio 2011) a proposito del rapimento della Orlandi è l’assoluta verità, quello che mi lascia perplesso è la cifra di 20 miliardi. Conoscendo la massa di denaro che entrava all’interno della Banda e in modo particolare nel gruppo dei testaccini, ritengo che 20 miliardi sia una somma sottostimata».

COSA DICE LA PROCURA

La Procura di Roma ha una visione diversa rispetto a questa ipotesi. «Nel 2005 irrompeva nel quadro frastagliato delle indagini – si legge nella richiesta di archiviazione della Procura di Roma – uno spunto investigativo che ipotizzava il coinvolgimento della Banda della Magliana nel rapimento della Orlandi, coinvolgimento che avrebbe trovato la sua ragion d’essere nel tentativo di ricattare il Vaticano per ottenere la restituzione di soldi che la Banda, e con essa la mafia siciliana facente capo a Pippo Calò, aveva investito nello Ior».

Tutto parte da una telefonata arrivata l’11 giugno 2005 nel corso della trasmissione “Chi l’ha visto?“: una voce anonima suggerisce di andare a vedere chi è sepolto nella cripta della Basilica di Sant’Apollinare per trovare la soluzione del caso. Il 20 febbraio 2006, Mancini, intervistato in tv spiega, a proposito della telefonata a casa Orlandi del 28 giugno 1983 di un tale presentatosi col nome di “Mario”: «Questa è la voce della Magliana» e fa il nome di un certo “Rufetto”, killer (a suo dire) di Enrico De Pedis (il boss della Banda che avrebbe dato il via libera per il sequestro della Orlandi).

LE INCONGRUENZE

Interrogato come testimone dai magistrati, Mancini «precisa di non avere conoscenza diretta del sequestro di Emanuela Orlandi in quanto detenuto all’epoca dei fatti, ma di averlo saputo da componenti della Banda della Magliana dentro le carceri, senza tuttavia fare i nomi di chi gli avrebbe riferito tali notizie, ma fornendo generiche indicazioni su chi avrebbe potuto sapere qualcosa» (Il Tempo, 25 maggio 2015).

Dunque il primo dato di fatto è che Mancini era in galera quando Emanuela Orlandi è stata rapita. Le congetture di “Nino l’Accattone”i, inoltre, non trovano nemmeno uno straccio di prova a riscontro (Giornalettismo, 24 luglio 2011).

Ad esempio di quel “Mario” della telefonata a casa Orlandi, Mancini disse a “Chi L’ha Visto“: “E’ uno dei killer più terribili della Magliana, ma non voglio farne il nome, lo dirò agli inquirenti”. Detto, fatto: Mancini accusò un uomo indicato come “killer personale di De Pedis”, ma le perizie fonetiche esclusero che la persona indicata dall’Accattone fosse il telefonista. Le stesse perizie fonetiche che oggi dicono con grande sicurezza che Mario era Giuseppe De Tomasi, recentemente arrestato per un giro di usura nella Capitale.

LA SECONDA IPOTESI

La seconda ipotesi a cui fa riferimento il film attinge alle rivelazioni rilasciate alla giornalista di “Chi l’ha visto” Raffaella Notariale da Sabrina Minardi, ex moglie del calciatore Bruno Giordano e poi donna di De Pedis, interpretato nel film da Riccardo Scamarcio. Le rivelazioni della donna – definite inattendibili e incongruenti dalla Procura e dal gip di Roma –  sono finite in un libro, “Segreto Criminale”, a cura della giornalista, che nel film compare come una cocciuta eroina dedita alla missione scrupolosa della verità (Famiglia Cristiana, 7 ottobre).

Secondo la Minardi, la ragazza sarebbe stata prelevata da De Pedis su ordine di monsignor Marcinkus, all’epoca presidente dello Ior. Emanuela sarebbe poi stata uccisa e gettata in una betoniera a Torvaianica, località del litorale romano.

COSA DICE LA PROCURA

Nelle dichiarazioni rese ai pm il 4 giugno 2008, si parla nel fascicolo di cui è in possesso la Procura di Roma di «una lunga e spesso confusa deposizione» nella quale spiegherebbe il coinvolgimento suo, dell’allora compagno De Pedis e di alcuni membri della Banda nel rapimento della Orlandi.

Nel fascicolo di archiviazione del processo Orlandi si evidenziano proprio le perplessità del ruolo rivestito dalla supertestimone Minardi, specie in relazione «alla ricerca dei luoghi dalla stessa indicati come di disfacimento del cadavere». «Gli approfondimenti investigativi sul punto – evidenzia il gip – sono stati tempestivi, attenti e scrupolosi ma l’esito negativo, al di là delle ulteriori versioni offerte dalla teste circa le modalità con le quali i rapitori si erano disfatti del cadavere, è dipeso dall’incapacità della Minardi di fornire informazioni precise ai fini dell’individuazione del luogo in cui il riferito disfacimento del cadavere fosse avvenuto» (askanews.it, 20 ottobre 2015).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni