Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il film su Emanuela Orlandi? Tutte ipotesi smentite dalla Procura!

Condividi

Dove sbaglia "La verità sta nel cielo" di Roberto Faenza

Il film sul rapimento di Emanuela Orlandi, accaduto il 22 giugno 1983, finisce nel mirino della critica di Famiglia Cristiana.

«Ne “La verità sta in cielo” si è preferito ricostruire le presunte responsabilità del Vaticano nel sequestro di una cittadina vaticana, pescando nel torbido e mescolando prelati, porpore, malavitosi, cortigiane, faccendieri, grandi affaristi, mafiosi e il solito repertorio di sacro e profano, lo stile “angeli e demoni” che ormai da decenni ruota intorno allo IOR. Un grande classico, potremmo dire, quasi un genere letterario» (Famiglia Cristiana, 7 ottobre).

Alla vicenda della Orlandi «sono dedicate poche scene. Raccontano l’angoscia in cui precipita la famiglia e gli ostacoli riscontrati fin dalle prime ricerche, anche perché Emanuela è cittadina vaticana».

«Delle decine di piste inseguite dagli investigatori in oltre 30 anni di inchieste, tutte concluse con un nulla di fatto, il regista intreccia quelle che finiscono direttamente dentro il Vaticano. Le più improbabili, ma anche le più adatte a costruire una trama inevitabilmente ideologica e anticlericale».

L’ARCHIVIAZIONE

Fin qui la dura reprimenda del settimanale cattolico. Intanto va detto che la procura di Roma ha chiesto e ottenuto recentemente l’archiviazione dell’inchiesta sulle sparizioni della Orlandi e dell’amica Mirella Gregori (scomparsa il 7 maggio 1983). Gli indagati per il duplice sequestro di persona erano sei, alcuni dei quali legati a esponenti della banda della Magliana (Corriere della Sera, 5 maggio 2015).

LA PRIMA IPOTESI

Il film di Roberto Faenza, invece, prova a rilanciare due ipotesi che sono state scartate dalla Procura. La prima ipotesi si basa sostanzialmente sulle dichiarazioni di un pentito della banda della Magliana (Antonio Mancini, detto “Nino l’Accattone”), giudicato inattendibile da più corti d’Assise, secondo il quale la povera Emanuela fu rapita per far pressione sulla restituzione di capitali mafiosi della Magliana affidati allo IOR di monsignor Marcinkus.

Ipotesi che aveva formulato anche il giudice Rosario Priore, teorizzando che quei soldi (una ventina di miliardi di lire), prestati a usura dalla Magliana allo IOR, sarebbero stati impiegati per finanziare Solidarnosc. In pratica la Santa Sede per finanziare la buona causa del sindacato polacco di Lech Walesa avrebbe chiesto soldi alla nota organizzazione criminale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.