Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Matteo
home iconvaticano notizie
line break icon

“I figli non sono un bene privato, ma un bene sociale”

Vatican Insider - pubblicato il 28/09/16

«Un’offerta che facciamo al governo e al parlamento e alla Conferenza Stato-Regioni. In questo documento ci sono proposte concrete sulle quali si misurerà la volontà vera della politica». Lo ha detto Giuseppe Butturini, presidente dell’Associazione nazionale famiglie numerose (Anfn) e padre di 11 figli, aprendo oggi nella sala stampa della Camera dei deputati l’incontro di presentazione dello studio “La Ri-nascita dell’Italia”, elaborato dall’associazione nata nel 2014 e alla quale aderiscono 178 mila famiglie. Ne dà conto il Sir. 

Il documento è stato realizzato raccogliendo studi, articoli, dati, grafici elaborati non solo dalla nostra Associazione e dal Forum delle Associazioni Familiari, ma anche da università ed economisti ed organismi istituzionali quali l’ISTAT e l’OCSE. 

Alfredo Caltabiano, dell’osservatorio politico Anfn, ha richiamato i dati Istat sulla povertà delle famiglie: mentre dal 2006 al 2014 è diminuita la povertà degli anziani, le famiglie in povertà relativa sono passate dal 4% al 16%, e «siamo entrati in una vera trappola demografica dalla quale non c’è uscita senza misure adeguate».  

Nel 2015 sono nati 488 mila bambini, 15 mila in meno rispetto al 2014. L’indice di fertilità è pari a 1,35 figli per donna, mentre le donne desidererebbero avere almeno due figli. La generazione “core” (20 – 39 anni), la più produttiva e riproduttiva, quella che più contribuisce al Pil, motore principale di ogni nazione – ha aggiunto Caltabiano – dalla fine degli anni 90 è diminuita di 4 milioni di unità ed è destinata ad assottigliarsi ulteriormente».  

Per lo studioso, i figli sono “generatori di Pil; ogni figlio costa 8.500 euro cui si deve aggiungere l’indotto di servizi sociali, educativi, etc. Se si arrivasse a 760mila nati, gli effetti per l’economia sarebbero pari al 3% del Pil nell’arco di cinque anni». Di qui l’importanza dell’obiettivo “natalità 2.0”. «I figli non sono un bene privato ma un bene sociale». 

«E’ un documento – ha spiegato Caltabiano- che si rivolge sia a chi crede in certi valori, per rafforzarli, sia (e soprattutto) a chi non ci crede. Abbiamo la presunzione di voler aprire un dibattito con chi ancora pensa che i figli siano una scelta privata, per far prendere loro consapevolezza che mai come oggi è necessario investire sui figli e sui giovani, per dare un futuro all’Italia». 

Caltabiano ha poi illustrato alcune proposte. «La prima, soprattutto: porre un obiettivo di indice di fertilità per l’Italia di 2 figli per donna, contro l’1,35 registrato nel 2015. Sposare tale obiettivo, automaticamente comporterebbe l’assunzione di tutte le altre nostre proposte. Vorremmo una società in cui le donne siano libere di scegliere se avere o meno dei figli; ma, quelle che desiderano avere dei figli, dobbiamo metterle nelle condizioni di poterli avere. Cosa che oggi non avviene, per i tanti impedimenti lavorativi, economici e pratici». 

«Più realisticamente, vorremmo iniziare con il fornire più risorse alle famiglie con figli. Gli strumenti possono essere molteplici: la leva fiscale (ad esempio attraverso l’adozione del Fattore Famiglia), la rimodulazione del bonus 80 euro (da riconoscere in base al numero dei figli), il potenziamento e l’estensione degli assegni famigliari». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni