Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Sisma, il vescovo di Ascoli: mettere in sicurezza le chiese

Condividi

«Le chiese pericolanti sono sempre più pericolanti. Se non si interviene subito, con le prime piogge saranno irrecuperabili». Così il vescovo di Ascoli monsignor Giovanni D’Ercole, anche oggi in giro per i comuni terremotati della provincia, lancia un appello perché almeno quelle che «contengono preziose opere d’arte» vengano messe in sicurezza. «Non sono tantissime – aggiunge – ma rischiano di andare in deterioramento». 

«Ho pregato tutti di intervenire – insiste monsignor D’Ercole – ma a noi non ci fanno intervenire. È sui Beni culturali che bisogna fare pressione. Mi sembra che la burocrazia rallenti gli interventi. Oggi, intanto, metteremo un telo sulla chiesa di Santa Maria in Pantano a Montegallo, ma ci sono anche altre chiese, come ad Arquata, di massimo interesse pubblico che aspettano di essere messe in sicurezza. È un appello che lancio con grande rispetto, capisco che ci sono problemi più grossi e ringrazio quanti si stanno adoperando per far fronte ai danni del sisma, ma questo è patrimonio di tutti».  

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.