Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Arte e Viaggi

In questo gesto della mano alzata il perché dobbiamo giudicarci senza sconti

Public Domain

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 06/09/16

La svolta, nella conversione, corrisponde col giudizio sul proprio peccato. Quel giudizio di cui, prima o poi, tutti quanti abbiamo avuto paura. Pensiamo alla Cappella Sistina, all’immagine imponente del Cristo giudice. Non provoca – fosse anche inconsciamente – un sentimento di inquietudine? Non ci appare minaccioso il gestodella mano alzata, come a dire: “ora facciamo i conti, sapete quello che vi aspetta?”.

Eppure, in quel gesto, c’è un simbolo di efficacia straordinaria: solo comprendendo di doverci giudicare senza sconti, e che a causa del nostro peccato meritiamo la morte, tocchiamo la verità del nostro essere. E solo allora siamo pronti a recepire la libertà dello spirito, la guarigione da quelle che San Paolo, nel capitolo 5 della lettera ai Galati, chiama “le opere della carne”.

Soprattutto, solo allora scopriremo il segreto del Cristo giudice e della sua mano alzata. Gli studiosi hanno dedotto, dall’analisi dell’opera, che il braccio di Gesù è stato correttoben due volte, portandolo più in alto. E questo perché fosse visibile il palmo della mano. Il motivo è evidente: in quel palmo c’è la piaga di Gesù, giustiziato sulla croce. Il Cristo del giudizio universale non sta minacciando un castigo, ma ci dice, con un gesto simbolico: “guardaquanto ti amo”.

Se sono io a giudicare i miei peccati, a condannarli senza appello, a ricordare che “il salario del peccato è la morte” (Romani 6,23), vale anche per me l’intuizione di Pascal, racchiusa in questo aneddoto:

“Se tu conoscessi i tuoi peccati, ti dispereresti, dice Dio all’uomo. Allora mi dispererò, Signore. No, perché i tuoi peccati ti saranno rivelati nel momento in cui ti saranno perdonati”.

Il Cristo giudice, che punisce il peccato con la morte, è nello stesso tempo il Cristo morto per salvarci dal peccato. “Guarda quanto ti amo”: è questa la parola da ascoltare, sulla soglia dell’eternità. Solo così la paura del giudizio si trasforma in gioia.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
artegesù cristogiudizio universale
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni