Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come reagireste in una situazione come questa?

Condividi

Un ragazzo viene cacciato dai ristoranti perché è vestito da senzatetto. Poi torna con una Ferrari per dare una lezione

Sappiamo esattamente come dobbiamo trattare i nostri simili, indipendentemente da colore, credo e situazione finanziaria.

Il problema è che nella pratica le cose funzionano purtroppo in modo diverso. Assistiamo ancora a molti episodi di discriminazione e violenza gratuita nei confronti delle persone povere, dei senzatetto e dei vagabondi.

Il giudizio viene prima di qualsiasi cosa, e le azioni a cui assistiamo sono spesso tristi e assurde.

Josh Paler Lin è uno Youtuber, ha parlato con vari senzatetto e ha deciso di compiere un esperimento sociale dopo essersi sentito raccontare le tante discriminazioni subite da chi non ha l’aspetto “giusto”.

“Negli ultimi mesi ho parlato con molti senzatetto, e mi hanno detto che le persone li trattano in modo diverso. Non vengono trattati come esseri umani”, ha affermato Josh. Per questo, ha aggiunto, ha deciso di vestirsi come uno di loro e di provare a entrare in un ristorante chic per vedere come lo avrebbero trattato.

Pur avendo detto che aveva del denaro, non gli è stato permesso nemmeno di guardare il menù da fuori, men che meno di entrare.

Un’ora dopo, Josh è tornato con una macchina lussuosa e si è recato negli stessi ristoranti, dove ovviamente gli è stato detto che poteva tranquillamente entrare e mangiare. Guardate voi stessi:

“Non ho più fame”, ha risposto il ragazzo al responsabile di uno dei ristoranti. “Il modo in cui trattate la gente mi lascia nauseato”.

“Non dovreste trattare le persone in base a come appaiono. Dovremmo essere tutti uguali”, ha aggiunto.

Il tipo di atteggiamento sperimentato da Josh è purtroppo ancora assai diffuso nella nostra società. Dobbiamo cambiare, aumentare la consapevolezza e insegnare.

E voi, avete già assistito a episodi di questo tipo? Come pensate che potremmo cambiare la situazione?

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.