Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il legame nascosto tra dieta e depressione

20th Century Fox
Condividi

Quantità eccessive di cibi sbagliati possono influire sulla salute mentale. Combattete la depressione con semplici accorgimenti

Sappiamo tutti che c’è un legame tra cibo e umore – chi non si è mai tuffato in un barattolo di gelato Häagen-Dazs dopo una dura giornata lavorativa o non ha affogato i propri dispiaceri per questioni di cuore in un bel cibo pieno di unto? Il sollievo a breve termine apportato da certi tipi di cibo è difficile da battere, e non viene certo sostituito facilmente da gambi di sedano e germe di grano.

Un nuovo studio pubblicato sul British Journal of Nutrition mostra tuttavia che l’assunzione a lungo termine di cibo di bassa qualità, nella fattispecie quella che è definita una dieta “infiammatoria” – ovvero con quantità elevate di carboidrati raffinati, carne rossa, bevande gassete e cibi fritti –, è associata a un maggior rischio di depressione nelle donne.

I ricercatori hanno reclutato più di 6.000 donne australiane di mezza età e le hanno studiate cinque volte nell’arco di dodici anni, raccogliendo ogni volta dati sulla loro dieta e salute mentale. Lo studio ha mostrato che le donne che seguivano diete anti-infiammatorie – che includono più vegetali a foglia verde, frutta e pesce – avevano circa il 20% di possibilità in meno di sviluppare la depressione rispetto alle donne che seguivano una dieta “infiammatoria”.

Verrebbe da dire “Ma è solo uno studio a dire questo!”, ma non è proprio così: un’altra ricerca del 2013 ha mostrato che le donne che seguivano una dieta caratterizzata da una presenza consistente di cereali raffinati, carne rossa e bevande gassate – tutti elementi infiammatori – avevano il 41% di possibilità in più di ricevere una diagnosi di depressione. E allora quello che ingeriamo influisce direttamente su come ci sentiamo, e quindi sul nostro senso di benessere generale.

Cosa fare, allora? Per prima cosa bisogna prendere familiarità con i cibi anti-infiammatori, come i vegetali a foglia verde, le noci ricche di proteine e il pesce. Bisogna poi eliminare le bevande gassate, ridurre le carni rosse e sostituire i cereali raffinati con quelli integrali. Se vi sentite isolati a livello sociale, il che è legato alla depressione, intraprendete piccoli passi per avere interazioni significative con altre persone: frequentate la chiesa, offritevi volontari in un rifugio per animali o cercate di collaborare a una campagna politica locale.

E poi infilate le scarpe da ginnastica o saltate sulla bicicletta: è dimostrato che l’esercizio allevia i sintomi della depressione lieve o moderata. Vi spaventa un po’? Forse potreste iniziare con una cosa sola, come la colazione. Se migliorate la vostra dieta, avrete molta più energia per effettuare i cambiamenti necessari.

Ciò non vuol dire che una volta ogni tanto non possiate indulgere nel vostro cibo-spazzatura preferito – tutti abbiamo bisogno di una “coccola” di tanto in tanto. Ma non permettete che un sollievo a breve termine sfoci in una depressione a lungo termine.


Tess Bercan è una scrittrice freelance, viaggiatrice e soprattutto grande amante dei cani. Vive con il suo maltese a Vancouver e cerca costantemente dei modi per favorire uno stile di vita positivo ed equilibrato. La ricerca e gli scritti di Tess sono apparsi su Everyday Diabetes, Green Lifestyle Market e Think Health Magazine.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.