Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 07 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconApprofondimenti
line break icon

L’uomo, essere simbolico o diabolico

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 13/08/16

Viviamo in un’epoca in cui prevale una razionalità di tipo tecnologico e scientifico. Ciò che conta è la tecnica, la sperimentabilità, la verifica empirica. È il momento storico in cui il modello ideale è la macchina perfetta, funzionale, che non sbaglia, e assicura un risultato produttivo.

image
Col passare del tempo, anche l’uomo tende a convergere con questo modello: la persona rispettata, ammirata, invidiata, è la persona efficiente, autosufficiente, capace di rispondere a ogni stimolo esterno secondo parametri logici e proprio perciò rassicuranti, prevedibili.

image
Prendendo a prestito un’immagine famosa di Herbert Marcuse, potremmo definire questo tipo “l’uomo a una dimensione”, appiattito sul suo lato consapevole, chiuso al mondo ricco e sommerso dell’inconscio. È un essere diviso: in greco il termine usato per “dividere” è “diaballein”; potremmo dunque dire che un tale uomo, prodotto tipico della nostra società, è “diabolico”.

image


L’inconscio è il mondo dei simboli
: realtà che significano sempre di più di ciò che dicono: mettono insieme, collegano elementi diversi, tendono ad abbracciare la totalità. Un uomo aperto al suo inconscio è proteso a superare quella divisione che è fonte di una sofferenza peculiare, sorda e inspiegabile, se non alla luce di questo sguardo ulteriore, che unisce il superficiale col sommerso. “L’inconscio”, diceva Jung, “desidera ardentemente vedere la luce”.

image

L’uomo, dunque, può essere diviso o integro, diabolico o simbolico. Non a caso, la Vergine Maria è definita la “Symballousa” (Lc 2, 19), la Donna Simbolica, colei che custodisce le cose/parole meditandole nel suo cuore. La salvezza è nel simbolo, in ciò che collega e mette insieme. Altrimenti si finisce vittime della logica del “diabolos”, colui che divide e perciò stesso tormenta e opprime.

Tags:
uomo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni