Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconSpiritualità
line break icon

Il peccato imperdonabile (da noi)

© Corinne SIMON/CIRIC

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 27/07/16

Dio si presenta come ricco di misericordia e questo fin dal Primo Testamento: per esempio nella nota apparizione a Mosè (Esodo 34, 6-7). Gesù, venendo al mondo, conferma l’idea dell’esistenza di un Padre che ama e perdona, al di là di ogni ottimistica immaginazione. Lui stesso, il Figlio di Dio, si fa uccidere pur di salvarci e invoca il perdono del Padre per i suoi crocifissori. Tutto ciò è lungi dal buonismo che certa vulgata vorrebbe attribuire all’insegnamento di Gesù, il quale sollecita l’uomo a prendere coscienza di sé, a crescere nella totalità della persona, a spendere bene i suoi talenti. Chi cerca di vivere il Vangelo sa che le sue pagine non sono zuccherose, che il Rabbi di Nazaret non era un figlio dei fiori bizzarro ed estraneo alla realtà. Al contrario, non c’è nessuno al mondo più realistico di Lui, più attento alle dinamiche del corpo, della psiche e dello spirito, più sensibile al rapporto con la natura circostante.

Dio non è uno schema sovrapposto all’uomo, non si cala dall’esterno, come un programma elettronico dalle possibilità già tutte predisposte. Dio non si conosce nelle teorie, nei concetti, nei pensieri, ma solo come amore che ci viene incontro, e che in tal modo ci svela a noi stessi. Dio è Uno che dá, che si dá (per questo è anche Trino): ciò significa che la nostra non può essere che un’identità donata. Noi siamo perché siamo amati. Solo questo può spiegare perché ci sia un unico peccato imperdonabile da parte di un Dio che è misericordia. Se noi siamo il dono, rifiutare lo Spirito Santo – il dono per eccellenza – significa rifiutare noi stessi, la nostra identità, il senso della nostra vita. Il peccato contro lo Spirito Santo è il peccato contro noi stessi. Dio, che è amore, non ha inventato l’inferno; Lui abbraccia tutto. Siamo noi a inventarcelo, a renderlo presente rifiutando l’amore del Padre che ci fa rinascere ogni giorno.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
misericordia di Dioperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni