Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sorelle, suore, aspiranti, postulanti, novizie… cosa significa?

AFP PHOTO / MARTIN BERNETTI
Condividi

Un utile glossario collegato alle religiose cattoliche

Una “sorella” è una religiosa il cui carisma apostolico è considerato “attivo”,intendendo che se lei e la sua comunità sicuramente pregano, assistono anche la Chiesa con altri mezzi, tra i quali il lavoro a livello sociale, l’insegnamento, l’assistenza infermieristica, l’assistenza pastorale e di ritiri, il lavoro missionario, il lavoro nei media, l’assistenza agli anziani, ecc. Fondamentalmente, le “sorelle” lavorano ovunque si sentano chiamate.

Una persona molto puntigliosa vorrà sottolineare la differenza tra le due tipologie, ma la maggior parte delle “sorelle” si riferisce a se stessa come a “suore”, e la maggior parte delle suore chiama le altre “sorelle”, per cui, anche se c’è una differenza, la maggior parte delle religiose non si cura del termine che viene usato.

Ci sono religiosi e religiose, e quindi alcuni stadi esistono per entrambi i sessi, ma visto che domanda riguardava le donne anche noi ci concentreremo su di loro.

Un’aspirante è una persona che vive per un po’ con una comunità per vedere se si sente attratta da questa vita ed è a proprio agio con una comunità, e anche per vedere se la comunità si trova bene con lei. In alcuni luoghi questo periodo viene chiamato “pre­postulandato”.

Una postulante è una persona che ha iniziato a imparare a vivere in comunità pur rimanendo allo stadio della “richiesta” ­ un periodo di discernimento più intenso. In base alla comunità, il postulandato dura dai 6 mesi all’anno, e in questo periodo la persona può essere chiamata o meno “sorella”. Questo e il fatto che la postulante indossi o meno una sorta di uniforme o segua un semplice codice di abbigliamento dipende dalla comunità.

Una novizia (dalla parola latina per “nuovo”, o principiante) è una postulante che è stata accolta formalmente nella comunità. Il noviziato ­ in genere (ma non sempre) due anni per le donne e un anno per gli uomini – dà inizio a un periodo di formazione intensa, studio e approfondimento della preghiera, e include una formazione sia canonica che apostolica. Se la comunità indossa un abito e prende dei nomi religiosi (alcuni fanno entrambe le cose, altri nessuna e alcune comunità lasciano la scelta alla sorella o alla suora), tutte queste cose in genere (ma non sempre) si verificheranno all’ingresso nel noviziato, con la suora che prende il velo bianco. Alcune comunità permettono un cambiamento di nome all’ingresso nel noviziato, ma non danno l’abito fino ai primi voti, o viceversa. Visto che il noviziato è ancora considerato parte del discernimento, un novizia è libera di lasciare la comunità (o le può essere chiesto di abbandonarla) in qualsiasi momento.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni