Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
vaticano notizie

Siria, il nunzio: “Si parla di pace, ma circolano armi sempre più sofisticate”

Vatican Insider - pubblicato il 05/07/16

«Tutti dicono che bisogna andare verso una soluzione politica ma l’importante è raccogliere la sfida di lasciare da parte le armi. Il Papa tocca sempre il problema del commercio delle armi e nel suo messaggio ha stigmatizzato l’ipocrisia» ma «da una parte si parla di soluzione politica, di pace e dall’altra circolano ancora a non finire armi sempre più sofisticate». Lo ha detto il Nunzio apostolico a Damasco, monsignor. Mario Zenari, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000. 

«Abbiamo accolto le parole del Papa – ha aggiunto mons. Zenari commentando il videomessaggio di Francesco di sostegno alla campagna di Caritas Internationalis per la pace in Siria – con grande riconoscenza. Quando il Santo Padre accenna alle sofferenza della Siria tocca la sensibilità di tutti i siriani non solo dei cristiani». 

In riferimento al governo di unità nazionale auspicato dal Papa monsignor Zenari ha sottolineato che «le soluzioni possono essere tecnicamente diverse, l’importante è arrivare ad una riconciliazione nazionale. La riappacificazione degli animi è un’opera impegnativa che coinvolge i vari leader religiosi. Rimaniamo colpiti dalle distruzioni materiali, dai palazzi sventrati, dalle infrastrutture rovinate ma sono molto più gravi le ferite degli animi dei bambini e degli adulti. Questa guerra ha prodotto delle ferite molto profonde negli animi della gente. È un lavoro molto lungo e arduo di riconciliazione e pace che spetta a tutte le comunità religiose». 

«Gli accessi umanitari – ha concluso monsignor Zenari – sono un’urgenza prioritaria. In questi ultimi mesi la Comunità internazionale ha cercato con sforzi enormi di far arrivare gli aiuti di prima necessità a popolazioni difficili da raggiungere. Ma ci sono comunità che ancora non sono state raggiunte dagli aiuti. La Comunità internazionale ha percorso un cammino, una strada ma bisogna sempre ribadire il diritto all’accesso agli aiuti umanitari».  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni