Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
vaticano notizie

Elezioni, il risveglio del Vaticano nella Roma grillina

Vatican Insider - pubblicato il 20/06/16

Il 3 maggio scorso, all’inizio della campagna elettorale, a margine di un convegno venne fatta al Segretario di Stato Pietro Parolin una domanda su che cosa pensasse di Virginia Raggi. «Le auguro ogni successo!» aveva risposto un po’ sornione il cardinale veneto. Niente più di una battuta con il sorriso sulle labbra, fatta da un diplomatico di lungo corso che non aveva intenzione di fare endorsement, ma che ha portato fortuna alla candidata Cinquestelle.

Abbiamo provato a verificare come si risvegli questa mattina il Vaticano in una Roma che sarà governata dal movimento fondato da Beppe Grillo, interpellando prelati di primo piano della Curia. Non mancano le preoccupazioni, ma quasi nessuno si scompone per la vittoria dell’outsider Raggi. Anzi, c’è chi non nasconde soddisfazione, come un vescovo curiale esperto canonista che vive nella capitale da molti anni: «Ho appena votato per la candidata Cinquestelle – confida appena uscito dal seggio – per due motivi: sono rimasto colpito da come i big del movimento hanno partecipato da credenti ai funerali di Gianroberto Casaleggio. E poi ho apprezzato la decisione di lasciare libertà di coscienza nel voto sulla legge sulle unioni civili, dimostrando di non essere subalterni alla cultura laicista». Il monsignore spera ovviamente che ora sappiano dare prova di saper governare la città.

Più cautela si respira negli ambienti della Segreteria di Stato, dove non manca la curiosità verso la nuova situazione. Non ci sono apprensioni per le parole della Raggi sull’Imu che devono pagare i locali degli enti religiosi utilizzati per fini commerciali: «Questa è la linea del Papa e pure la Conferenza episcopale è stata chiara su questo – spiega uno dei più stretti collaboratori di Francesco – anche se la candidata Cinquestelle è sembrata fare un po’ di confusione: ha parlato come se si trattasse di immobili del Vaticano, mentre sono proprietà degli ordini religiosi. Comunque il popolo è sovrano e noi auguriamo un buon lavoro al nuovo sindaco di Roma». È palpabile, invece, la freddezza verso il Pd, per la gestione della legge Cirinnà e la «festa» che ha accompagnato il voto in Parlamento, come pure per la gestione di Ignazio Marino.

Ma il Vaticano, anche se il più piccolo del mondo, è pur sempre un altro Stato rispetto all’Italia: tratta direttamente con il governo, e per il Giubileo c’è una segreteria tecnica affidata alla Prefettura. Chi dovrà collaborare con la nuova amministrazione è il Vicariato di Roma guidato dal cardinale Agostino Vallini. Qui, in San Giovanni in Laterano, i commenti esprimono maggiore preoccupazione. Proprio in Vicariato lo scorso novembre, un mese prima dell’inizio del Giubileo, era stata preparata una lettera aperta nella quale si auspicava «una scossa» per Roma, ripartendo «dalle molte risorse religiose e civili», e si chiedeva la «formazione di una nuova classe dirigente nella politica». La scossa indubitabilmente c’è stata, forse più forte del previsto. In Vicariato l’apprensione è per «l’inesperienza» della candidata pentastellata, ma si spera che si possa collaborare, dopo l’esperienza con la giunta Marino, giudicata da questo punto di vista disastrosa: «Ci si incontrava, si prendevano decisioni per azioni comuni e il giorno dopo il sindaco faceva il contrario».

Un altro vescovo della Curia romana con incarichi di rilievo, parla con tono più distaccato: «Diciamoci la verità: Roma è ingovernabile. Non sono andato a votare ma non mi dispiace che Raggi abbia vinto: mettiamo alla prova il movimento Cinquestelle in una città difficile e vediamo come se la cava».

Questo articolo è stato pubblicato nell’edizione odierna del quotidiano La Stampa

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni