Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconvaticano notizie
line break icon

“Cinque mesi fa i primati erano d’accordo su concilio di Creta”

Vatican Insider - pubblicato il 16/06/16

Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli è arrivato a Creta, dove il 19 giugno si aprirà quello che doveva essere il primo concilio panortodosso dopo oltre un millennio, ma che dopo le defezioni delle Chiese di Antiochia, Bulgaria, Georgia e infine Russia è destinato a trasformarsi nella prima tappa di un processo più lungo e difficile. 

«Il santo grande concilio – ha detto Bartolomeo al suo arrivo a Creta – è la nostra sacra missione». Il successore dell’apostolo Andrea ha osservato che la gioia per questo evento è offuscata dalla decisione di alcune Chiese di non partecipare: «La responsabilità per la loro decisione ricade su quelle stesse Chiese e sui loro primati – ha aggiunto Bartolomeo – dato che, appena cinque mesi fa, alla Sinassi dei primati ortodossi a Ginevra, abbiamo preso una decisione e abbiamo apposto le nostre firme su di essa: dovevamo venire a Creta in giugno per realizzare questa visione perseguita nel corso di molti anni: tutte le nostre Chiese desiderano, dichiarano e proclamano l’unità della nostra Chiesa ortodossa. E vogliono esaminare i problemi che riguardano il mondo ortodosso per risolverli insieme». 

Il Patriarca di Costantinopoli ha anche detto che non è troppo tardi per le Chiese rinunciatarie, di riconsiderare la loro decisione: «Anche se all’ultimo momento, per onorare la loro firma, verranno a Creta, saranno accolte con gioia». L’ultima notizia in merito è stata ufficializzata il 15 giugno: il Patriarca serbo Irinej ha annunciato la decisione finale di partecipare al concilio. In un comunicato, il primate della Chiesa ortodossa di Serbia ha affermato che il punto di vista delle Chiese assenti dovrà essere preso in considerazione, altrimenti la delegazione serba abbandonerà l’assise. E ha anche aggiunto di sperare che le Chiese presenti al concilio prendano decisioni che non risultino troppo controverse per le Chiese assenti, ma che possano essere da loro condivise. 

La Chiesa serba ha anche affermato che il concilio «non può essere ostaggio di regole stabilite e accettate in anticipo». Parole che riecheggiano le posizioni espresse in precedenza dalla stessa Chiesa nel momento in cui aveva messo in forse la sua partecipazione chiedendo un dibattito più aperto. Con queste premesse, quello che si apre a Creta il 19 giugno è soltanto il primo capitolo di un processo più lungo. Nel progetto iniziale, perseguito da Bartolomeo, il segno dell’unità manifestata di fronte al mondo per la prima volta dopo più di mille anni, avrebbe rappresentato il risultato più significativo, a prescindere dalle deliberazioni conciliari.  

L’assenza di quattro delle quattordici Chiese della comunione ortodossa – e tra queste la Chiesa russa, che da sola ha giurisdizione su più della metà dei cristiani ortodossi – di fatto cambierà la natura dell’assise, riportando in primo piano i problemi esistenti nel mondo ortodosso più che la testimonianza dell’unità. Ma potrebbe proprio per questo favorire un approccio più diretto e approfondito agli stessi problemi, cambiando la scaletta dei lavori prestabilita e i testi già preparati. La storia dei concili dimostra che queste dinamiche non sono affatto nuove né rappresentano delle eccezioni: basti pensare a ciò che è accaduto con il concilio ecumenico Vaticano II. 

LEGGI ANCHE:  

«Il Sinodo panortodosso non sarà come il Vaticano II, ma c’è grande desiderio di unità» (26/1/2015) 

La “Gaudium et Spes” degli ortodossi (25/2/2016) 

Creta, a rischio il Concilio panortodosso (4/6/2016) 

“Il concilio panortodosso è un evento storico, nessuno stia fuori” (7/6/2016) 

Concilio ortodosso, ultimi travagli prima dell’inizio (7/6/2016)

La Chiesa ortodossa russa chiede di rinviare il concilio di Creta (13/6/2016) 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni