Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconNews
line break icon

Quella volta che Muhammad Alì incontrò Giovanni Paolo II

© PLEASUREPHOTOROOM

RAI - pubblicato il 04/06/16

Si è spento all’età di 74 anni Muhammad Alì, il più grande pugile di tutti i tempi. E’ stato stroncato da problemi respiratori che lo avevano portato al ricovero presso l’ospedale di Phoenix. La sua ultima apparizione in pubblico risaliva allo scorso 9 aprile, quando era sembrato molto debole e provato nel corso di una serata di raccolta fondi per la lotta al Parkinson.

Campione olimpico a Roma nel 1960, Clay conquista il mondiale a ventidue anni battendo in sette riprese Sonny Liston il 25 febbraio del 1964. Dopo aver conquistato la corona annuncia di essersi convertito allIslam e di aver assunto il nome di Muhammad Alì. Nel 1966 si rifiuta di partire per il Vietnam e viene condannato a 5 anni di reclusione. Gli viene tolta la licenza di boxare per quasi quattro anni. Sono gli anni dell’impegno nelle battaglie per i diritti civili degli afro-americani, sulla scia di Malcolm X (che nel frattempo era stato assassinato). Alì diventa un’icona oltre lo sport, amata da molti ma anche osteggiata e insultata da molti altri. Quando può tornare alla boxe, perde ai punti l’attesissima sfida con Joe Frazier nel 1971, ma riesce a tornare campione del mondo nel 1974, a Kinshasa, mettendo al tappeto George Foreman, in un incontro passato alla storia e ricordato come uno dei più grandi eventi sportivi di sempre.

Lasciata la boxe, vi sono gli anni della malattia ma anche della continuazione del suo impegno sociale, grazie a un immagine pubblica che gli anni non hanno scalfito.

Quella di Gianni Minà, amico e commentatore delle grandi imprese di Muhammad Alì, è una testimonianza diretta delle gesta di un grande atleta e di un grande uomo. In chiusura di intervista, al minuto 9:34, c’è spazio anche per un toccante aneddoto sullo straordinario incontro avvenuto nel 1982 tra il campione e Papa Giovanni Paolo II.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni