Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’uomo inutilmente maschio: il frutto di una società che ha cancellato la virilità

Condividi
Vale per l’aggressività e la virilità la stessa regola che vale per la sessualità, per la debolezza, per l’egoismo, per il grasso, per il numero di paia di scarpe, per il colesterolo: l’eccesso uccide, ma la mancanza non è compatibile con la sopravvivenza. Le società dove la virilità è iper esaltata diventano un inferno in terra per le donne, ma anche per gli uomini: ogni riferimento all’Afganistan e all’Arabia Saudita è puramente intenzionale. Le società dove la virilità è disprezzata, criminalizzata e cancellata annegano nella desolazione, e muoiono di denatalità. Se questi due tipi di società entrano in contatto quelle iper virili rischiano di annientare le seconde. Il deliro è che senza il nostro lato oscuro saremmo perfetti. Senza il nostro lato oscuro saremmo incompleti, il che vuol dire non vitali. Il delirio è stato affermare che una nazione demilitarizzata, senza esercito, possa continuare a esistere, quindi poliziotti e soldati sono cattivi a prescindere, per definizione. Senza le virtù virili dell’aggressività, dell’intolleranza, dell’arroganza e del coraggio un gruppo smette di essere vitale. L’uomo occidentale postmoderno ha smesso di essere aggressivo con le donne, grazie al femminismo: questa affermazione è falsa. La percentuale di maschi che aggredisce la donna non è diminuita. Ma credete che negli Anni ’50 gli uomini tornassero a casa a picchiare le mogli? Credete che oggi nei pronto soccorso non arrivino più donne con i lividi perché l’8 marzo diciamo tante parole? La percentuale di donne che resta a prenderle è rimasta identica, o forse è peggiorata perché manca il tessuto sociale, famiglia di lei, famiglia di lui, parrocchia, che prima interveniva. La prostituzione, quella brutta, quella delle ragazzine in piedi sul bordo delle strade, è aumentata a dismisura, la pornografia è talmente aumentata che è diventata normale. Siamo arrivati all’ultima palata di diritti umani: la maternità surrogata. Gli alberi si giudicano dai frutti.

L’uomo contemporaneo occidentale postmoderno le donne non le difende più. E non è più disposto a morire per loro. “Prima le donne e i bambini” è diventata una regola obsoleta. E c’è una forma di violenza contro le donne più grave dell’urlata e del ceffone, una forma di violenza contro i figli più deleteria del batterli, dello sfruttarli o del venderli.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.