Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconArte e Viaggi
line break icon

La prima immagine mariana è davvero nelle catacombe?

Mirko Testa - Aleteia - pubblicato il 22/05/16

E' l'immagine di una donna con un velo e un bambino in braccio nelle Catacombe di Priscilla

di Daniel R. Esparza

Le Catacombe di Priscilla, situate sulla Via Salaria, sono le più importanti di Roma. La quantità di martiri sepolti nei suoi corridoi ne ha fatto un luogo di pellegrinaggio eccezionale nel Medioevo.

Oltre a sarcofagi, feretri e nicchie, le Catacombe di Priscilla ospitano collezioni di affreschi che conservano ancora in buona misura il colore originale.

Tra questi, spicca uno che potrebbe essere la prima immagine conosciuta della Vergine Maria.

In genere si accetta che le prime immagini mariane conosciute risalgano al V secolo, dopo che il Concilio di Efeso, del 431, dopo aver combattuto l’eresia nestoriana affermò la maternità divina di Maria, attribuendole da quel momento il titolo di Theotokos, Madre di Dio.

Questo dato, che non è di poco conto, ha messo in dubbio il fatto che questa sia in effetti la prima rappresentazione mariana conosciuta, facendo avanzare l’ipotesi che si tratti invece solo del ritratto di una donna con suo figlio, probabilmente sepolti nelle catacombe.

Per altri storici dell’arte, la presenza della figura a sinistra è rivelatrice. Se la figura, che sembra rivolgersi alla donna, fosse l’Arcangelo Gabriele, saremmo forse in presenza della prima rappresentazione dell’Annunciazione, lì nel cosiddetto “arenario centrale”.

Nuovi ritrovamenti nelle Catacombe di Priscilla, nella sezione nota come “La Cappella Sistina Paleocristiana”, sembrano tuttavia aver offerto , insieme a nuovi affreschi nei quali sarebbero rappresentati la resurrezione di Lazzaro, Santa Felicita e due dei suoi figli (i martiri Filippo e Felice), un’altra immagine di una donna con un bambino in braccio che apparentemente corrisponderebbe sempre alla Vergine Maria. L’opera di identificazione dell’immagine è ora nelle mani non più degli archeologi, ma degli iconografi e degli storici dell’arte incaricati dell’indagine.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cristianesimoiconografia cristianamadonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni