Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Quando John Henry Newman diede una lezione di coscienza al Primo Ministro

web-blessed-john-henry-newman-everett-pubic-domain-via-wikimedia-commons

Public Domain via WikiMedia Commons

Tod Worner - pubblicato il 10/05/16

Parole come queste sono vane e vuote per il grande mondo della filosofia. Ho verificato una strategia di guerra risoluta, direi quasi una cospirazione, contro i diritti della coscienza, come ho descritto. La letteratura e la scienza si sono incarnate in grandi istituzioni per eliminarla. Nobili edifici sono stati edificati come fortezze contro l’influenza invisibile, spirituale, che è troppo sottile per la scienza e troppo profonda per la letteratura. Le cattedre universitarie sono diventate i seggi di una tradizione antagonistica. Gli scrittori, giorno dopo giorno, hanno indottrinato la mente di innumerevoli lettori con teorie sovversive. Come ai tempi di Roma, e del Medioevo, la supremazia [della coscienza] è stata assalita dall’arma della forza fisica, e quindi ora l’intelletto è messo in condizioni di indebolire le basi di un potere che la spada non è riuscita a distruggere. Ci viene detto che la coscienza non è altro che una svolta nell’uomo primitivo e senza guida; che il suo dettame è immaginazione; che la nozione stessa di colpevolezza, imposta da questo dettame, è semplicemente irrazionale…

Questo per quanto riguarda i filosofi. Vediamo ora qual è la nozione di coscienza al giorno d’oggi nella mente popolare. Non più che nel mondo intellettuale, anche lì la “coscienza” mantiene il significato antico, vero e cattolico del termine. Anche lì l’idea, la presenza di un Governatore Morale, è ben lontana dal suo utilizzo…
Quando gli uomini sostengono i diritti di coscienza, non intendono affatto i diritti del Creatore, né il dovere nei suoi confronti, nei pensieri e nei fatti, della creatura, ma il diritto di pensare, parlare, scrivere e agire in base al loro giudizio o al loro umore, senza alcun pensiero per Dio. Non fingono nemmeno di basarsi su qualsiasi regola morale, ma esigono, cosa che ritengono sia una prerogativa di un gentiluomo inglese, che ciascuno sia il padrone di se stesso in tutte le cose e professi ciò che vuole, senza chiedere il permesso di nessuno, ritenendo il sacerdote o il predicare, l’oratore o lo scrittore, incredibilmente impertinente, che osa dire una parola contro il fatto di andare verso la perdizione, se gli va, a modo suo. La coscienza ha dei diritti perché ha dei doveri, ma in quest’epoca, con un’ampia porzione di pubblico, ha il diritto e la libertà di coscienza di dispensare con coscienza, di ignorare un legislatore e un giudice, di essere indipendente da obblighi non visibili. Diventa una licenza di assumere ogni religione o nessuna, di accettare questa o quella e di lasciarla, di andare in chiesa, in una cappella, di vantarsi di essere al di sopra di tutte le religioni e di essere un critico imparziale di ciascuna di loro. La coscienza è un severo controllore, ma in questo secolo è stata sostituita da una contraffazione, di cui i diciotto secoli precedenti non avevano mai sentito parlare (…). È il diritto alla caparbietà…

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
coscienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni