Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’amore di Mark Twain per Giovanna d’Arco

Dominio pubblico - via Wiki Art
Condividi

La sua biografia per la santa francese, poco conosciuta, rivela l'ammirazione dell'Autore

Non tutti sanno che l’ultimo romanzo completo di Mark Twain, pubblicato quando aveva 61 anni, è una biografia di Giovanna d’Arco. Ma ciò che si conosce ancora meno sono le sue visite presso l’Archivio Nazionale di Francia per leggere le trascrizioni del processo che ha portato la santa al rogo.

Come Stephen K. Ryan afferma nel suo articolo per Patheos, Twain ha trascorso 12 anni a studiare, fare ricerche e raccogliere informazioni per il suo libro.

Lo stesso Twain ha ammesso che questo non è stato solo il suo libro preferito, ma anche quello scritto meglio: “Mi piace Giovanna d’Arco più di ogni altro mio libro, è il migliore; lo so benissimo. E poi, mi ha dato sette volte il piacere che mi hanno dato gli altri; dodici anni di preparazione, e due anni di scrittura. Gli altri non avevano bisogno di preparazione alcuna, e quindi non c’è stata”.

Twain ha sentito una verace e profonda ammirazione per la santa francese, anche se lui era notoriamente presbiteriano.

Dopo aver studiato sia la versione inglese della storia che quella francese, ha scritto – in un saggio successivo, nel 1904 – che Giovanna d’Arco è stata la “meraviglia dei secoli”.

“Immacolata e pura, nella mente e nel cuore, nel linguaggio, nelle azioni e nello spirito. […] Tenendo conto, come ho suggerito in precedenza, di tutte le circostanze – la sua origine, la giovinezza, il genere sessuale, l’analfabetismo, l’ambiente precoce, e le condizioni in cui ha fatto fruttare i suoi elevati doni e in cui ha fatto conquiste sul campo, prima che i tribunali le dessero la caccia – è senza dubbio la persona più straordinaria che il genere umano abbia mai prodotto finora”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni