Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ho scoperto che il mio ragazzo guarda materiale pornografico

Condividi

Solo perché qualcosa è legale non è detto che sia giusto o morale

E no, non tutti gli uomini guardano materiale pornografico. Non è un aspetto naturale della mascolinità e una cosa che non possono evitare perché sono “visivi”. Le tue amiche hanno una visione degli uomini distorta e sessista. Gli uomini possono sicuramente controllarsi, e infatti ci si aspetta che lo facciano. In quanto madre di un figlio maschio, ho le massime aspettative morali nei suoi confronti, come tu dovresti averle riguardo alla persona con cui hai scelto di avere una relazione. Quando permetti che queste aspettative vengano sminuite, ti accontenti di un tipo che ha un’impenitente dipendenza dalla pornografia.

Guardare materiale pornografico non è una bandiera rossa in una relazione. Guardare materiale pornografico è un motivo di rottura, o almeno dovrebbe esserlo. Come la dipendenza dalla droga.

Non parlo solo da un punto di vista morale, perché c’è la scienza che sostiene quello che sto dicendo. Ci sono stati innumerevoli studi sugli effetti dannosi del consumo regolare di pornografia. La Chiesa ha ragione su questo, e l’ha sempre avuta. La scienza l’ha solo ripresa.

Dal nostro Catechismo:

“2354 La pornografia consiste nel sottrarre all’intimità dei partner gli atti sessuali, reali o simulati, per esibirli deliberatamente a terze persone. Offende la castità perché snatura l’atto coniugale, dono intimo e reciproco degli sposi. Lede gravemente la dignità di coloro che vi si prestano (attori, commercianti, pubblico), poiché l’uno diventa per l’altro oggetto di un piacere rudimentale e di un illecito guadagno. Immerge gli uni e gli altri nell’illusione di un mondo irreale. È una colpa grave. Le autorità civili devono impedire la produzione e la diffusione di materiali pornografici”.

Hai espresso le tue preoccupazioni e il tuo dolore al tuo ragazzo. Lui ha risposto mettendosi sulla difensiva e accampando scuse, non con contrizione. Se vuoi davvero “superare” la sua dipendenza dalla pornografia, allora devi iniziare “superando” questo ragazzo rendendolo un ricordo del passato.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni