Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Marzo |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Nella Quaresima, uno sguardo protestante ai primi cristiani

Cendres

Agnes R. Howard - pubblicato il 11/02/16

Il modo migliore per rinnovare il pentimento e la fede è quello di farlo insieme

All’inizio della Quaresima, mi vengono in mente i ricordi di un brunch che ho avuto qualche anno fa. Mentre alcuni dei presenti si sono avvicinati verso le leccornie che erano sul tavolo, c’era una donna che era visibilmente sulle sue. Tra un sorso di acqua ghiacciata e l’altro, ci ha spiegato che era a digiuno.

Le diete “disintossicanti” non erano di moda all’epoca, non stava cercando di perdere peso o di eliminare le tossine; stava semplicemente digiunando, per ragioni del tutto personali e private. Semplicemente questo.

Non ha rivelato il motivo di quel digiuno in particolare, ma ha avuto molto “successo” nello smorzare la baldoria di quel brunch.

Ci sono molte buone ragioni che possono giustificare un digiuno personale, ma una caratteristica importante della Quaresima è proprio l’unione del popolo di Dio nel condividere una stagione di penitenza, preparandosi quindi a celebrare la resurrezione.

La Pasqua richiede una preparazione di gruppo. I banchetti pasquali non dovrebbero essere una questione privata, né tantomeno dovrebbe esserla la penitenza quaresimale.

L’idea di trascorrere un periodo di penitenza collettiva non è rara tra i protestanti.

I primi coloni del New England, che erano conosciuti come puritani, erano soliti dichiarare dei giorni di digiuno o di festa pubblica, ed erano purtroppo noti per preparare soprattutto attività del primo tipo.

Tuttavia, la natura occasionale di questi digiuni e il fatto che venivano fatti principalmente tra di loro pone subito delle differenze con quanto si suppone debba evocare la Quaresima.

Per loro, organizzare banchetti e digiuni era un modo per riconoscere la propria colpa di fronte a specifiche disposizioni di Dio o a dei giudizi particolari della comunità.

L’inserimento di feste e digiuni nel calendario annuale portò due grandi errori: ha reso delle sincere preghiere in qualcosa di meramente ripetitivo e ha recato fastidio alle coscienze con un rituale che è più un’invenzione umana che un comando divino.

I protestanti non sono totalmente estranei alle abitudini della Quaresima: fare penitenza per i peccati, fare la carità, amare il prossimo, offrire il perdono, mettere da parte i divertimenti preferiti per potersi concentrare anima e corpo a Dio…

I protestanti già facevano queste cose. Ma alcuni hanno ritenuto preoccupante che si siano elaborate delle norme a tal riguardo. Dopo tutto, il rifiuto della Quaresima era notevolmente presente all’inizio della Riforma in Svizzera.

Nel 1522, Ulrich Zwingli ha difeso un gruppo di cristiani di Zurigo per aver ostentatamente mangiato salsicce durante la Quaresima. Gli argomenti centrali di Zwingli hanno ancora una profonda eco nel protestantesimo: la Quaresima non appare nella Scrittura, quindi i cristiani non dovrebbero essere obbligati a rispettarne il compimento.

Se i cristiani vogliono digiunare va bene, ma solo se è per scelta personale.

Ma il fatto di lasciare la Quaresima come una scelta personale può presentare alcuni problemi.

Con il fatto di non dover esigere nulla in materia di digiuno, alcuni protestanti hanno chiesto di lasciare molto spazio alla decisione indipendente per quanto riguarda la Quaresima. Questo distoglie l’attenzione dalla preparazione collettiva.

Il digiuno, per esempio, diventa “digiunare” dal guardare lo sport, dall’andare su Facebook, dal pettegolezzo o dal comprare scarpe.

Naturalmente queste pratiche possono essere un’ottima scelta personale per la Quaresima, ma è molto meglio quando lasciamo il digiuno a quello che è, digiuno, e nient’altro.

Il cibo e bevande sono essenziali per la vita, così che l’astensione collettiva – niente carne, almeno il venerdì, e saltare alcuni pasti negli altri giorni – è un buon inizio, che ci mette anche in contatto con l’umiltà e la carità.

Purtroppo, è molto facile per interpretare il digiuno in molti modi sbagliati. Come sostituire la bistecca del venerdì con un’aragosta, darsi un’aria di giustizia sul fatto di non mangiare o seguire le regole della Chiesa solo per perdere peso. Ma almeno non si rifiuta il digiuno in quanto tale.

Alcuni protestanti, come i luterani, gli anglicani e gli episcopaliani, si adoperano molto per mantenere la tradizione della Quaresima. Penso che sia giusto.

Il Libro delle preghiere comuni offre una spiegazione del tutto appropriata sul motivo per cui dovremmo accettare la Quaresima: “I primi cristiani osservavano con grande devozione i giorni della passione e della risurrezione di nostro Signore, e divenne consuetudine nella Chiesa prepararsi tramite una stagione di penitenza e di digiuno”.

Che compaia o meno nella Scrittura, prendere parte alla Quaresima ci mette in contatto con le abitudini della Chiesa.

Il Libro delle preghiere ricorda come in questa stagione prepari i convertiti al battesimo e aiuti i peccatori ad avvicinarsi alla riconciliazione, in modo che “tutta la comunità si ricordi del messaggio di perdono e assoluzione proclamati nel Vangelo di nostro Salvatore, e del costante bisogno di tutti i cristiani a rinnovare il loro pentimento e la loro fede”.

Il miglior modo in cui l’assemblea dei credenti può rinnovare il suo pentimento e la sua fede è nel farlo insieme.

Per questo motivo, spero di rispondere positivamente all’invito del Libro di preghiere di osservare “una santa Quaresima, mediante un esame di coscienza e il pentimento; con la preghiera, il digiuno e l’abnegazione; e con la lettura e la meditazione della santa Parola di Dio”.

Tutto ciò. Insieme.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
digiunoprotestantiquaresima
Top 10
See More