Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Dieci ragioni per cui il cristianesimo progressista scomparirà

web-rosary-cross-crucifix-car-tela-chhe-cc

(c) Tela Chhe

padre Dwight Longenecker - Patheos - pubblicato il 01/02/16

La recente bufera nella Comunione anglicana ha evidenziato ancora una volta la vera divisione del cristianesimo mondiale (che ho analizzato qui). La divisione è tra quei cristiani che – in mancanza di un termine migliore – potrebbero essere definiti cristiani “storici” e coloro che sono cristiani “progressisti”.

I cristiani storici credono che la loro religione sia rivelata da Dio nella persona di suo Figlio Gesù Cristo, e che le Scritture siano la testimonianza principale di quella rivelazione. Credono che la Chiesa sia l’incarnazione nel mondo del Signore Gesù risorto, e che la sua missione – per cercare e salvare chi è perduto – sia ancora valida e di fondamentale importanza. I cristiani storici credono nella vita soprannaturale della Chiesa e aspettano che Dio operi nel mondo e nelle loro vite.

I cristiani progressisti credono che la loro religione sia un incidente storico fatto di circostanze e persone, che Gesù Cristo sia – nella migliore delle ipotesi – un maestro divinamente ispirato, che le Scritture siano degli imperfetti documenti umani influenzati dal paganesimo e che la Chiesa sia un corpo di persone con una mentalità spirituale che desiderano portare pace e giustizia a tutti e rendere il mondo un posto migliore.

Mi rendo conto che questo sia un ritratto approssimativo della realtà, ma rende intuibile quale sia il divario principale; i credenti di entrambe le parti dovrebbero ammettere che cristiani “storici” e “progressisti” esistono all’interno di tutte le confessioni. Il vero spartiacque nel cristianesimo non è più tra protestanti e cattolici, bensì tra progressisti e storici.

Quando parlo di “divario” dovrei meglio dire “battaglia”, perché entrambe le parti sono bloccate in una battaglia interminabile e irrisolvibile. Interminabile perché nessuna delle due parti cederà, irrisolvibile perché le divisioni si estendono alle radici teologiche e filosofiche di entrambi gli aspetti.

Tuttavia, osservando profondamente le dinamiche del cristianesimo progressista si può supporre che entro la fine di questo secolo cesserà di esistere, oppure non sarà più cristianesimo.

In questo momento il modernismo ha ancora vesti cristiane nelle correnti principali delle Chiese protestanti e in alcuni ambienti della Chiesa cattolica. Questo non può durare ancora a lungo per dieci, semplicissimi, motivi:

1. I modernisti negano l’esistenza del soprannaturale e, pertanto, non sono realmente religiosi. Per “religione” intendo un’interazione con il soprannaturale. La religione (sia che si tratti di popoli primitivi che saltano intorno a un falò o di una Messa Solenne in una cattedrale cattolica) è caratterizzata da uno scambio con l’altro mondo. Stiamo parlando di salvezza delle anime, di redenzione dal peccato, di paradiso, di inferno e dannazione, di aldilà, di angeli e demoni e tutta quella roba.

I progressisti non hanno a che fare con tutto questo. Per loro la religione è una questione di lotta per la parità dei diritti, di rendere il mondo un posto migliore, di essere gentile con tutti e di “spiritualità”. Non ci vuole molto tempo per rendersi conto che non c’è bisogno di andare in chiesa per fare questo. Così la gente smette di andare e, alla fine, questo porterà alla morte del cristianesimo progressista stesso. La prima generazione di cristiani progressisti andrà in chiesa su base regolare. La seconda parteciperà saltuariamente alle funzioni. La terza, quasi mai. La quarta e quinta non vedranno alcuna necessità di adorare Dio. Arriveranno al punto che se la religione non è niente più che fare opere buone, ne consegue che i riti religiosi siano ridondanti… e avrebbero ragione.

La religione progressista è essenzialmente individualista e non comunitaria. Ogni persona si fa una propria idea su determinate questioni. Quindi, quando si tratta di religione, la natura scissionista della fede progressista diventerà sempre più acuta. Gli individui con opinioni ferme formeranno gruppi sempre più piccoli e appassionati formati da persone con una stessa mentalità; e più piccoli sono i gruppi, maggiormente essi finiranno per appassire e poi, infine, morire.

2. Il cristianesimo progressista è anche soggettivo e sentimentale. Evita la dottrina e favorisce la spiritualità individuale, dando spazio a risposte sentimentali sulle questioni morali. Non ci vuole molto tempo, quindi, prima che le inclinazioni individualiste e sentimentali facciano uscire una persona da una chiesa che è dogmatica ed esigente. I modernisti preferiscono la propria spiritualità personale e le esperienze emotive a qualsiasi tipo di impegno religioso che sia formale e di natura collettiva. Da qui consegue il mantra moderno del “sono interessato alla spiritualità ma non alla religione”. Quando questo atteggiamento prevale, la religione modernista muore perché i suoi devoti non riconoscono i capisaldi dell’appartenenza e del credo.

3. Il cristianesimo progressista è storicamente revisionista. Tende a riscrivere la storia secondo i propri pregiudizi. In termini religiosi, questo significa che è tagliato fuori dalla tradizione. E quindi dalla sorgente di vita della religione stessa. Mettendo da parte la tradizione si avrà solo l’ultima trovata religiosa, moda o adattamento alla cultura contemporanea. Un tale effimero atteggiamento non può produrre una religiosità longeva che sia sostenibile a lungo termine. La religione prospera se la tradizione è alimentata e ampliata nel corso degli anni. Una religione che distrugge la tradizione, quindi, distrugge se stessa.

4. Il cristianesimo progressista si basa su obsolete dottrine di interpretazione della Bibbia. Il cinico e caduco dubbio sull’attendibilità della Bibbia si basa su studi biblici razionalisti ormai ben oltre la loro data di scadenza. Le scoperte archeologiche, testuali e storiche del secolo scorso stanno rendendo quasi pittoresche le ipotesi di certi critici biblici protestanti del primo Novecento. Nuovi e giovani studiosi della Bibbia stanno usando gli stessi metodi critici di analisi e ricerca per dimostrare che la Bibbia è molto più storica di quanto alcuni tedeschi del passato abbiano pensato. Quel castello di sabbia che è il pensiero biblico modernista sta implodendo e continuerà a farlo. O i cristiani progressisti torneranno al cristianesimo storico oppure cercheranno presto la porta d’uscita da una fede di cui non è rimasto nulla.

5. Il cristianesimo progressista morirà, perché non esige che i suoi devoti siano religiosi. Chiedete a qualsiasi modernista “perché dovrei venire in Chiesa?”. Che cosa risponderebbe? “Non c’è bisogno di venire in chiesa. È là, se vuoi. Se ti fa del bene, e ti fa sentire meglio, siamo qui per servirti”. I preti modernisti si spremono le meningi chiedendosi perché nessuno va più a messa. È perché per quaranta anni è stato detto: “Non è un peccato mortale perdere la messa. Dovresti venire perché ami Dio, non perché lo temi.” Anche se questo potrebbe essere un sentimento lodevole, non ci si dovrebbe pertanto sorprendere più di tanto se nessuno viene a messa.

Lo stesso progressista non capisce perché qualcuno dovrebbe essere religioso. Ha iniziato come un uomo religioso che credeva nel peccato, nella redenzione e nella faccenda del soprannaturale. È diventato gradualmente modernista; pur continuando per tutto il tempo la propria attività religiosa, non ha mai smesso di chiedersi perché tutto ciò dovrebbe essere necessario. Se è onesto e si pone questa domanda, presto smetterà anche di essere praticante. A meno che, ovviamente, sia un ecclesiastico. Se è un professionista religioso dovrebbe infatti trovarsi un altro lavoro, quindi per lui è più facile continuare a pedalare.

6. I progressisti permettono la degenerazione morale e ciò drena la forza della vera religione. I seguaci di tutte le religioni soprannaturali richiedono purezza morale, autodisciplina e moderazione. La vera religione richiede autodisciplina. Il modernista vede la religione non come abnegazione, bensì come realizzazione di sé. Gli edonisti si renderanno presto conto che non vale la pena di seguire una religione, persino nella sua forma annacquata e modernista.

Un altro aspetto di questo punto è che i cristiani progressisti usano la contraccezione artificiale e approvano l’aborto. Non è ingegneria aerospaziale concludere che una popolazione che smette di avere bambini morirà presto.

7. La Chiesa del Sud è in crescita. Il cristianesimo è più vitale in Africa, Asia e Sud America. I cristiani là sono sia storici che moderni. Sono giovani, energici e seguono un vangelo gioioso e dinamico. Gli africani anglicani che per espellono gli episcopaliani rappresentano un segnale per il futuro. Il cristianesimo storico si alzerà e sconfiggerà il cristianesimo progressista semplicemente perché il primo è autentico e il secondo è una fede contraffatta.

8. I progressisti sono piatti e rispettabili. Hanno pensato di essere radicali, ma sono diventati grigi e monotoni, diventando parte dell’establishment. Seguono sempre la folla, soprattutto se quella folla finge di essere “radicale” o “sovversiva”. La rispettabilità è il bacio della morte per la vera religione, e il radicalismo borghese è davvero alla frutta.

9. I cristiani storici sono ora i radicali. Quando il mondo intero diventa liberale, è il conservatore che è il radicale. Quando tutto il mondo è avvolto nella decadenza morale, la castità diventa radicale. Quando il mondo intero è consumato dalla ghiottoneria, colui che digiuna è radicale. Quando il mondo intero è divorato dal relativismo, il dogmatico è il radicale. Quando il mondo intero è accecato dal materialismo, è colui che crede nel soprannaturale a essere radicale. Il cristianesimo è una buona notizia solo quando è radicale e così saranno i cristiani storici ed eroici a prevalere.

10. Tutti sono i benvenuti… ad andare via. L’ironia è che il dogma ultimo e infallibile dei progressisti è che “tutti sono i benvenuti”. Non si fermano mai a riflettere sul fatto che una religione non può che essere una religione se ha confini. Non esiste club che non abbia regole di appartenenza, e non esiste chiesa senza dogmi o aspettative morali. Di conseguenza, mentre piangono di gioia dicendo “questa è una casa di preghiera per tutte le persone”, diventerà sempre più una casa vuota in cui nessuna persona va a pregare. Le porte delle chiese progressiste possono anche essere spalancate, ma che è così la gente può uscire il più presto possibile.

Tags:
cristianesimocristianesimo progressistadottrina cattolicareligionetradizione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni