Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconStorie
line break icon

Roberto Carlos, l’artista “senzatetto” di papa Francesco

Venturist-cc

Aleteia - pubblicato il 20/01/16

Nella sua vita ha vissuto un mezzo miracolo... ora vive sotto un tetto con la moglie e la figlia

La sollecitudine di papa Francesco per i senzatetto ha tratti molto concreti. Questa settimana, il pontefice ha aiutato a far sì che duemila poveri e immigrati si godessero uno spettacolo del circo Rony Roller. È stato Roberto Carlos Leyva, 34enne di Orihuela (Alicante, Spagna), ad aprire lo spettacolo con una canzone dedicata al papa: “Andiamo, che Francesco ci proteggerà. / Lasciate tutto, che Dio ci guiderà. / Credete nel papa, che è buono e ci aiuterà. / Gli angeli cantano: Francesco è universale”.

Ángel Gómez Fuentes, corrispondente a Roma di ABC, ha raccontato la sua storia, quella di uno dei 3.300 senzatetto che vivono, o meglio sopravvivono, a Roma. La storia di qualcuno che confida ciecamente nel papa dei poveri e delle periferie. La storia di Roberto Carlos, che grazie alla carità della gente e dei religiosi vive finalmente sotto un tetto, in una stanza in affitto, con la moglie Eva Torres, di 45 anni, e la figlia di questa, Isabel, di 16.

Il cantante ha raccontato ad ABC com’è nata la sua passione per la musica. Suo padre, anche lui appassionato di musica, ha deciso di chiamarlo Roberto Carlos in ricordo dell’omonimo cantante brasiliano. Roberto ha studiato musica, e dopo essersi guadagnato da vivere con la canzone di un programma televisivo è rimasto disoccupato, con un contenzioso con una casa discografica, e ha conosciuto l’umiliazione, il disprezzo e la depressione del senzatetto che dorme in strada.

Ha fatto molti lavori, dal musicista al rottamatore. Se ne è andato dalla Spagna per i tanti problemi che aveva. È andato a Liverpool e poi a Brighton per guadagnarsi la vita cantando in strada, ed è sempre stato accompagnato da Eva e dalla figlia Isabel. Da mesi cerca fortuna nelle vie di Roma, confidando in Francesco.

Nel reportage dell’ABC si spiega come nella sua vita quotidiana non ci siano solo le canzoni. Spesso si verificano lotte e aggressioni. È una vita molto ostile: “In due occasioni degli zingari rumeni mi hanno bastonato. Ho avuto anche problemi con la Polizia municipale. Ho un permesso dal Comune per cantare per due ore di seguito nello stesso posto. Un giorno ero in Piazza di Spagna e un poliziotto mi ha cacciato a spintoni dopo venti minuti. Eva ha filmato l’aggressione”.

Hanno vissuto sotto le gallerie vicine al Vaticano o in una piccola tenda da campeggio nei boschi alla periferia di Roma.

La sua sorte e la sua vita sono cambiate quando un giorno è andato alle docce che sono state collocate su indicazione di papa Francesco sotto il colonnato del Bernini in Piazza San Pietro a beneficio dei senzatetto o degli immigrati senza una dimora fissa.

“Quel giorno mi si è avvicinato un sacerdote che si è interessato alla mia storia”, ha raccontato ad ABC. “Poi ho scoperto che era l’arcivescovo polacco Konrad Krajewski, l’elemosiniere del papa”.

Monsignor Krajewski seguiva così le istruzioni del pontefice: Francesco vuole che il suo elemosiniere cerchi i poveri, senza aspettare che questi vadano a bussare alle porte del Vaticano. Si è quindi stabilito un rapporto tra il cantante e l’elemosiniere, che si è concretizzato in un aiuto per permettere a Roberto Carlos di superare le tante avversità, a volte estreme, visto che è stato sull’orlo del suicidio due volte.

Ora ha ottenuto una stanza per 600 euro al mese e ogni giorno riceve circa 30 euro dalla gente che lo ascolta per strada. “Alcuni sono spagnoli che mi conoscono attraverso la televisione e mi aiutano”, ha confessato. Se le sue entrate non bastano, riceve l’aiuto dell’elemosiniere o di qualche istituzione religiosa.

Roberto Carlos lavora sei ore al giorno nella Piazza del Sant’Uffizio, dove canta per i passanti. Ha un sogno, quello che un giorno il Santo Padre lo possa ascoltare: “Cantare un giorno una canzone a questo papa, che è un santo”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
papa francescosenzatetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni