Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Il Vescovo Semeraro e i sacramenti ai divorziati risposati: la regola del caso per caso

Jeffrey Bruno/Aleteia

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 26/12/15

In un saggio cita un documento della Congregazione per la dottrina della fede del 1973 che invita ad applicare «l’approvata prassi della Chiesa in foro interno» riproposta nell’ultimo Sinodo sulla famiglia

La relazione finale dell’ultimo Sinodo sulla famiglia, al paragrafo 85, com’è ormai noto, parla di «accompagnamento» e di «discernimento» a proposito dei divorziati risposati, essendo evidente che storie e situazioni non sono tutte uguali. Nel documento non si parla esplicitamente di accesso al sacramento dell’eucaristia: ciò ha permesso ad alcuni di affermare che in quel testo non esiste alcuna indicazione o via da percorrere per la riammissione caso per caso, ad altri di dichiararsi delusi perché certe proposte di apertura non sono state approvate.

È interessante leggere ora un saggio del vescovo di Albano Marcello Semeraro, intitolato «Il Sinodo della famiglia raccontato alla mia Chiesa» (edizioni MiterThev), con il quale il prelato, che ha partecipato ai lavori sinodali ed è stato tra i relatori del documento finale, comunica ai suoi sacerdoti e ai suoi fedeli l’esito dell’ultima assemblea dei vescovi. Nel saggio Semeraro insiste sul «primato della grazia (che è come dire della misericordia)», il quale «implica l’attenzione primaria alle persone, nella singolarità e non-omologabilità delle loro storie, del cammino di vita di ciascuna, con le sue ferite e le sue miserie, cui sono rivolti gli occhi di Dio. Sono occhi della misericordia, che non guardano prima di tutto alla legge, per giustificare o incolpare, ma alla persona, per curare e sanare».

Il vescovo di Albano, teologo dogmatico, osserva: «Questo passaggio dalla morale della legge alla morale della persona è di fondamentale importanza. A me pare che sia tra le cose più rilevanti di questo Sinodo; fra quelle su cui il Sinodo si è impegnato, facendone così una proposta al Papa. La questione, in breve, non è solo di singole questioni, ma prima ancora d’impostazione della teologia morale». A proposito della riammissione dei divorziati risposati ai sacramenti, Semeraro scrive: «Il Sinodo si è astenuto dal proporre al Papa in forma semplicemente teorica e astratta la questione specifica della possibilità di ammissione ai sacramenti della penitenza e dell’eucaristia dei fedeli battezzati che vivano coniugalmente in condizione di civilmente divorziati risposati. Ha chiesto di accostarsi alla persona. Non ha, tuttavia, aggirato il problema, ma ha posto le basi per una soluzione già col fatto di avere inserito la questione circa il discernimento d’imputabilità proprio nei numeri che li riguardano direttamente».

Particolarmente interessanti, a questo riguardo, sono le note che corredano l’intervento del vescovo di Albano. In una di queste (32), Semeraro annota: «Sarà chiaro, in ogni modo, che le soluzioni “in foro interno” non sono per nulla identiche alla semplice “decisione di coscienza”, che riguarda esclusivamente il singolo (o, nel caso, la coppia) davanti a Dio; ne vanno, anzi, ben oltre». Per evitare i «rischi sia di una privatizzazione indebita dell’accesso all’eucaristia, sia di un dualismo fra oggettività dottrinale e soggettività morale» risulta «importante, perciò la precisazione che quanto avviene nel “foro interno”, inteso in senso proprio, è un vero processo (“foro”) che si svolge nell’ambito sacramentale (”interno”, ossia nel sacramento della riconciliazione e penitenza) che vede coinvolti un fedele e un ministro autorizzato della Chiesa».

  • 1
  • 2
Tags:
divorziati risposatisacramentisinodo sulla famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni