Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

5 differenze rispetto a Vatileaks 1

© Antoine Mekary / Aleteia
Condividi

Fanno scalpore gli arresti in Vaticano di mons. Vallejo Balda e della “lobbista” Chaouqui. Ma non facciamo di ogni erba un fascio

di Michele Zanzucchi

È vero, come dice padre Lombardi, che «è stata tradita la fiducia del papa». Però la gravità di quello che è accaduto – una montagna di file “sensibili” sono stati inoltrati a due noti giornalisti che da tempo scavano nei bassifondi vaticani – non risiede solo nell’atto di divulgare file segreti, ma anche nei fatti di cui si parla. Fatti tutti da verificare, così come le accuse gratuite e i teoremi elaborati da Nuzzi e Fittipaldi, autori dei due libri in uscita. Papa Francesco non lascerà correre tanto facilmente quanto è accaduto.

Tuttavia non ritengo che ci si trovi dinanzi a un Vatileaks 2. Le differenze con lo scandalo precedente legato al “maggiordomo” Paolo Gabriele sono macroscopiche.

Primo, non ci sono più maggiordomi e segretari “onnipresenti” e servitori vari. Il papa porta con sé la sua cartella nera. Non è stato violato il suo appartamento e la sua intimità.

Secondo, i due personaggi arrestati agiscono evidentemente della sorte perché già emarginati dagli organismi nei quali erano stati eletti a gran sorpresa di tanti. Con grande probabilità, si tratta semplicemente di vendetta.

Terzo, lo scandalo viene fuori perché stanno cominciando a funzionare i meccanismi di autocontrolloistituiti dal papa, e questo non può essere che un bene.

Quarto, le questioni in ballo sono “solo” di soldi, e non di altra natura.

Quinto, non si cerchino paragoni impossibili, i tempi sono diversi. Papa Francesco non è papa Benedetto: se il primo è nel pieno della sua energica riforma della Chiesa, Ratzinger non sembrava avere le forze per reagire, come hanno dimostrato di lì a poco le sue dimissioni.

Che nella Chiesa cattolica vi siano mele marce non è una novità. E non fa scandalo. Se il Vaticano saprà reagire e entrare non solo nella questione giudiziaria dei due arrestati e dei loro eventuali complici, mandanti o conniventi, ma entrerà anche nel merito di quanto descritto nelle carte trafugate e saprà creare meccanismi più efficaci di scelta dei principali collaboratori del papa, l’autogol apparente si trasformerà in un bel gol a favore della trasparenza e della povertà della Chiesa.

 

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
vatileaks
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.