Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Nell’Antico Testamento il divorzio non era sempre un tabù

DR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 02/11/15

Le Sacre Scritture ci dicono che il divorzio è ammesso? Ci sono casi di matrimonio finiti con la separazione tra i coniugi? Oppure, per la Bibbia il divorzio era considerato un tabù?

Don Bruno Ognibeni docente ordinario di Teologia biblica presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia, attraverso il suo volume “Il matrimonio alla luce dell’Antico Testamento” di prossima pubblicazione ci aiuta a sciogliere l’interrogativo.

LA MOGLIE “IN STATO SERVILE”
Nell’Antico Testamento, infatti, il divorzio è ammesso. C’è la facoltà della moglie di “stato servile” (cioè una donna data in sposa ad un uomo dalla sua padrona) di lasciare il marito-padrone nel caso che lui non le dia ciò che le spetta in quanto moglie(Es 21,10-11). Se decide di avvalersi di tale facoltà, la donna riacquista lo statuto di libera e perde quello di maritata, mentre il marito perde allo stesso tempo sia una serva che una moglie, senza alcuna compensazione pecuniaria.

I CASI DI HAGAR E LEVITA
Si tratta infatti senza alcun dubbio di scioglimento del vincolo matrimoniale, come accade a Hagar (Gen 21,14), non però per volontà sua, ma per decisione congiunta della sua padrona e di suo marito. Lascia il marito pure la concubina del Levita di cui abbiamo letto nel libro dei Giudici, (Gdc 19,2), ma non sappiamo se lo fa perché ritiene di essere stata lesa nei suoi diritti.

LA MOGLIE “LIBERA”
Se ha diritto di lasciare il marito inadempiente la moglie di stato servile, allora tanto più può godere di questo diritto la moglie libera (cioè senza una padrone che l’ha data in sposa ad un uomo). Una conferma ci viene dalla storia di Michal, la moglie che Davide abbandona quando deve fuggire per mettersi in salvo da Shaul: suo padre si ritiene libero di darla in moglie ad un altro (Sm 25,44).

GLI OBBLIGHI DEL MARITO
Come lui, agisce il suocero di Sansone, che se ne era andato via dopo la settimana nuziale: “ho creduto che l’avessi presa in odio e l’ho data al tuo amico” (Gdc 15,2). Un marito che se ne va di casa non adempie gli obblighi che ha preso nei confronti di sua moglie. Così facendo la libera da qualsiasi obbligo nei suoi riguardi e le dà il diritto di andare in moglie ad un altro uomo. Ambedue questi esempi mettono in evidenza l’importanza dell’atto formale di scioglimento del matrimonio.

UNA SCELTA ANCHE MASCHILE
Va rilevato, in ogni caso, che la scelta di divorziare è a disposizione sia dell’uomo che della donna. Nel codice deuteronomico si legge del novello sposo che “prende in odio” la sposa accusandola di non essere arrivata vergine alle nozze (Dt 22,13).

I CONTRATTI DI ELEFANTINA
Il divorzio molto probabilmente, spiega il biblista, avveniva persino con un atto formale, nel senso di una dichiarazione davanti a testimoni, come attestato dai contratti matrimoniali di Elefantina, che risalgono al V secolo a.C. In essi è infatti prevista l’eventualità che in futuro il marito oppure la moglie dichiari davanti alla comunità riunita di aver “preso in odio” il proprio coniuge, al quale deve conseguentemente versare “l’argento dell’odio”, una pena pecuniaria in cui incorre quello dei coniugi che prende la decisione di rompere il matrimonio.

I TRE MATRIMONI
Nell’Antico Testamento (Dt 24,1-4), prosegue Ognibeni, si evidenzia anche una legge che limita il diritto di risposarsi dopo aver divorziato. Un marito che scopriva in sua moglie un comportamento indegno e per questa ragione decideva di divorziarla, consegnava un documento certificante questa sua volontà e la mandava via da casa sua. Quella stessa donna, da lui divorziata, poteva andare allora in moglie ad un altro, il quale pure, per motivi che non sono specificati, aveva facoltà di divorziarla e mandarla via da casa sua dopo averle rilasciato l’apposito certificato, oppure dopo la morte lasciarla libera automaticamente di contrarre un terzo matrimonio. A quel punto la donna poteva contrarre le terze nozze ma non poteva mai risposarsi con il primo marito.

DIVORZIO “RACCOMANDATO”
Nei libri sapienziali, insomma, il divorzio è tranquillamente accettato, anzi raccomandato in alcuni casi. Interessante è soprattutto Sir 25,26, poiché menziona come causa di divorzio non l’infedeltà, ma l’insubordinazione della moglie.

Tags:
antico testamentodivorziomatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni