Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconNews
line break icon

La lotta di Audrey per porre fine all’anonimato dei donatori di sperma

© AUDREY KERMALVEZEN

Philippe Oswald - Aleteia - pubblicato il 26/10/15

Una ragazza concepita con l'inseminazione artificiale lotta per conoscere l'identità del proprio padre biologico

Senza il diritto di sapere. Il 21 ottobre, il relatore pubblico del Consiglio di Stato di Francia ha respinto la richiesta di Audrey Kermalvezen (non è il suo vero nome), il giovane avvocato che chiede che si sollevi parzialmente il segreto che circonda le sue origini.

Nel 2009 ha saputo di essere stata concepita con l’inseminazione artificiale e ha cercato invano di sapere chi fosse suo padre. Visto che la legge francese prevede l’anonimato dei donatori di gameti, si è trovata di fronte al rifiuto costante dell’Assistenza Pubblica-Ospedale di Parigi (APHP) e ha avviato una lunga battaglia legale.

La legge francese potrebbe essere ritoccata a Strasburgo

La legge francee, che impone la mancanza di trasparenza sul donatore di sperma, potrebbe essere ritoccata a Strasburgo dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (Le Point).

In una sentenza del 1992, la Corte ha ricordato che le persone che si trovano nella situazione di Audrey “hanno un interesse fondamentale di ottenere le informazioni a loro indispensabili per scoprire la verità su un aspetto importante della propria identità personale” (Gènéthique).

È quindi logicamente a questa istanza superiore europea che la ragazza dovrebbe rivolgersi se il Consiglio di Stato, la cui decisione si sta dibattendo, non acconsentisse alla sua richiesta.

Il processo non dovrebbe essere eterno: il Codice di salute pubblica francese non obbliga le banche di sperma a conservare il nome del donatore per più di 40 anni.

3 motivi essenziali

Audrey ha almeno tre motivi per portare avanti la sua lotta:

  1. Soffre perché non sa chi l’ha generata.
  2. Vorrebbe sapere se lei e suo fratello, anch’egli concepito con donazione di sperma, hanno lo stesso donatore e se ha “mezzi fratelli e mezze sorelle”.
  3. Oggi è sposata con un uomo nato anch’egli con donazione di gameti, il che comporta un rischio di consanguineità per i loro figli. Come dissipare questo dubbio se continua ad essere impossibile eliminare il segreto che circonda le sue origini?

Statisticamente il rischio che il donatore sia lo stesso è minimo, ma ciò non significa che il dubbio non possa tormentare, come Audrey e il marito, decine di migliaia di persone (sarebbero tra le 50.000 e le 70.000) concepite in questo modo dal 1973, anno dell’istituzione in Francia delle prime banche di sperma.

Le conseguenze negative dell’anonimato

Audrey fa parte dell’associazione Procreazione Medicalmente Anonima (PMA), che chiede un accesso controllato alle origini, attraverso azioni politiche, mediatiche e giuridiche.

“Fondata nel 2004 dal medico dell’ambito della riproduzione Pauline Tiberghien, l’associazione vuole sensibilizzare i professionisti sanitari, il legislatore e il pubblico sulle conseguenze negative dell’anonimato totale dei donatori di gameti, il cui carattere irreversibile è stato stabilito nella prima legge bioetica francese del 2004”, ha spiegato explica Alliance VITA.

Nel 2014, Audrey ha pubblicato con lo pseudonimo Audrey Kermalvezen  Mes origines: une affaire d’État (Éditions Max Milo).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
eterologafecondazione assistita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni