Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Il dopo-Sinodo tra letture scontate e percezioni insidiose

Catholic Church England and Wales-CC

Luis Badilla - Il Sismografo - pubblicato il 20/10/15

Forse è meglio attendere le conclusioni dei padri sinodali?

Nessuno sa come finirà il Sinodo; come finirà formalmente e come finirà il “giorno dopo” (sulla stampa di mezzo mondo). La cosa più onesta e salutare è aspettare le conclusioni che i padri sinodali consegneranno al Papa e le sue decisioni.

Sappiamo però quali sono, già adesso, a cinque giorni dalla fine dei lavori, le due griglie di lettura scontate: (a) hanno vinto i difensori dell’ortodossia dottrinaria, i “resistenti” a Papa Francesco, la “buona fede“; (b) hanno vinto gli aperturisti, i sostenitori della pastorale della misericordia, i vicini al Santo Padre, quelli della “fede liquida”.

Ovviamente, alla fine lo schema sarà il solito: vincono o perdono i settori conservatori o i settori progressisti. Per dare fondamento a queste “letture” gli uni e gli altri spulceranno i documenti finali per trovare “la” frase (la parola, l’aggettivo, il periodo, la virgola …) sulla quale basare la propria analisi. E ciò non sarà fatto solo dalla stampa, dai vaticanisti (quelli veri, preparati ed esperti) e da quelli che si ritengono tali perché hanno scritto articoli sull’Obelisco di san Pietro o sul colonnato del Bernini. Sarà fatto anche da uomini di Chiesa, conosciuti e meno conosciuti, e forse da qualche padre sinodale.

Vuol dire che ci adegueremo anche perché, sapendo che questi scenari mediatici sono piuttosto lontani dal Sinodo vero e reale, c’è poco o nulla da fare contro i mulini di carta sia che girano da un lato sia che girano dal lato opposto.

Invece ci preoccupa molto di più un’altra dimensione, in generale quasi del tutto assente sia oltre le mura vaticane sia sulla stampa, e cioè l’immagine che la Chiesa e il Sinodo daranno – o potrebbero dare – ai fedeli semplici e non eruditi, che hanno faticato non poco a seguire seppure sommariamente queste tre settimane (premesso che lo abbiano fatto). Per loro la questione è semplice: il Papa ha convocato rappresentanze di tutti gli Episcopati del mondo per discutere sulla famiglia, sulla sua crisi e centralità, sulle sue gioie e speranze, e su i suoi fallimenti e debolezze. Poco o nulla capiranno di dottrina e pastorale, misericordia e verità, e altro.

E’ probabile che l’impressione sia schematica: la Chiesa, il Papa e i vescovi sono vicini alle nostre vite quotidiane oppure sono lontani; loro, tutti, vivono nello stesso mondo in cui viviamo noi oppure transitano in un’altra orbita, magari tanto parallela da non potere incrociarli mai; questa è la Chiesa della mia vita di ogni giorno o è la Chiesa dei convegni, dei documenti e delle decisioni solo per gli “addetti ai lavori”?
La loro, dopo il Sinodo, sarà una percezione schietta e schematica, vera o falsa, ma sarà la loro “verità” e la loro “percezione”. Non sono realtà da sottovalutare. E’ vero che la Chiesa non prende la sua linfa vitale dall’opinione pubblica e non si comporta a seconda le velleità o moda di quest’opinione, ma è anche vero che la Chiesa non può prescindere – nell’annuncio del messaggio affidato alla sua custodia – dal come viene percepita dall’uomo e dalla donna di oggi la sua immagine, il suo mistero e il suo magistero.

La percezione è un primo contatto che può avvicinare oppure allontanare, rendere facile o difficile un incontro, un dialogo, il voler essere e stare insieme per Cristo e con Cristo.

Avremo la percezione di una Chiesa samaritana, di un ospedale da campo, senza porte, con i suoi pastori fuori, tra la gente e non asserragliati tra libri, pergamene e codici, una Chiesa coraggiosa che pur di abbracciare l’uomo e le sue sofferenze non teme di rischiare? Avremo una Chiesa con le mani sporche di vita e di sangue, di miseria e di dolori, di umanità sconfinata? Una Chiesa mite, umile, autorevole e non altezzosa, trionfante, piena di se? Una Chiesa che si dona senza condizioni come lo stesso Maestro? O una Chiesa calcolatrice, guardinga, tattica, meschina? Insomma, una Chiesa “mia” o una Chiesa solo di “alcuni”?

Perciò il dopo-Sinodo presenta alcuni rischi a seconda a quest’opinione pubblica (fuori e dentro della Chiesa) “passino” immagini o percezioni insidiose al posto di quelle vere, profonde e desiderate, lungamente attese, risposte autentiche al “mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede”, come scrisse Benedetto XVI nella sua Declaratio.

Ecco le percezioni più insidiose, che tra l’altro si descrivono da sole:

Chiesa divisa
Chiesa confusa
Chiesa crudele
Chiesa legalista
Chiesa altezzosa
Chiesa omofoba
Chiesa giustizialista
Chiesa desueta

Non è in gioco Gesù e il suo Vangelo, “ieri, oggi e sempre”. E’ in gioco l’anima e il vestito della sua santa Sposa.

Attendiamo con grande speranza e “santa pazienza”.

Tags:
sinodo sulla famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni