Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Se Gesù entrasse nell’aula del Sinodo

©Mazur/catholicnews.org.uk

Il Sismografo - pubblicato il 11/10/15

I «lobbisti delle agende», i codici dialettici e la dinamica del Vangelo

di Gianni Valente

Il Sinodo sulla famiglia è iniziato da una settimana, e per certi versi sembra docilmente intento a eseguire lo spartito confezionato nei mesi di pre-tattica dai «lobbisti delle agende». Si percepiscono le manovre più o meno dissimulate di chi è entrato in Sinodo con l’intenzione di farne una partita di politica ecclesiastica. Mentre molti appaiono concentrati a posizionarsi rispetto alla griglia dei mantra e dei codici dialettici offerti in dotazione attraverso i media («bisogna coniugare misericordia e verità», «la dottrina non può cambiare», «bisogna curare le ferite», «valorizziamo il ruolo della donna», «comunque gli africani respingeranno la colonizzazione dell’ideologia gender»).

Così, nessuno batte ciglio quando nell’aula o nei testi sinodali si scolpiscono affermazioni inesorabili e convinzioni perentorie, che pure appaiono lontane dalla dinamica nuova entrata nel mondo col Vangelo, che la Chiesa suggerisce con la sua predicazione da 2mila anni.

Uno di questi assiomi dalla meccanica tipica delle clausole contrattuali si trova per esempio nellaRelatio del cardinale Peter Erdö. In quel testo letto in apertura del Sinodo, il Porporato ungherese cita il paragrafo 41 dell’Instrumentum Laboris sinodale, dove proprio riguardo agli incontri evangelici di Gesù con la samaritana e l’adultera, si dice letteralmente che in quegli episodi Gesù, «con un atteggiamento di amore verso la persona peccatrice, porta al pentimento e alla conversione (“va’, e non peccare più”), condizione per il perdono».

Ora, nel punto in cui pone la conversione come condizione previa del perdono, l’Instrumentum Laboris sinodale sembra quasi rovesciare il dinamismo proprio dell’esperienza cristiana, dove è semmai il perdono di Cristo che rende possibile riconoscere davvero e fino in fondo il proprio peccato, sentirne dolore, piangerne e convertirsi. È questo l’evento inaudito di salvezza che san Paolo descrive nella Lettera ai Romani: «Mentre noi eravamo ancora peccatori, Cristo morì per gli empi nel tempo stabilito. Ora, a stento si trova chi sia disposto a morire per un giusto; forse ci può essere chi ha il coraggio di morire per una persona dabbene. Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati per il suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di lui. Se infatti, quand’eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo, molto più ora che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita» (Rm 5, 6-11).

Anche il Vangelo di Luca, quando racconta l’incontro di Gesù con la peccatrice perdonata e le reazioni dei farisei (Lc 7, 36-52), riporta le parole del Signore, che perdona i peccati di lei non davanti a una dichiarazione di previa conversione, ma per i gesti d’amore che lei ha avuto nei suoi confronti, baciandolo, rigandogli i piedi con le sue lacrime, cospargendolo di olio profumato: «Le sono perdonati i suoi molti peccati» dice Gesù a Simone il fariseo «poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco». E poi aggiunge, rivolto a lei: «”Ti sono perdonati i tuoi peccati”. Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: “Chi è quest’uomo che perdona anche i peccati?”. Ma egli disse alla donna: “La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

La stessa dinamica raccontata da san Paolo e descritta da san Luca si ritrova in incontri e parole che attraversano tutto il Vangelo. È quella dinamica nuova, imparagonabile ai modelli delle dottrine religiose e dei codici morali partoriti dall’umanità nel corso della storia, che la Chiesa racconta agli uomini e alle donne da 2mila anni, nel suo camminare nella storia. Lo diceva anche l’allora cardinale Joseph Ratzinger, a Giubileo del 2000 già iniziato, per spiegare cosa muoveva in quel tempo giubilare la Chiesa a chiedere perdono per le colpe del passato: «È la certezza del perdono che permette la franchezza della confessione. Se non c’è il perdono che cosa rimane? Anche il peccato non ha più una spiegazione e possiamo forse trovare rifugio nella psicoanalisi per ridare pace alla nostra anima abbattuta. Mi sembra invece che solo il perdono, il fatto del perdono, permetta la franchezza di riconoscere il peccato».

  • 1
  • 2
Tags:
sinodo sulla famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni