Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché Cristina Fernández de Kirchner va a Cuba?

JUAN MABROMATA / AFP
Argentine President Cristina Fernandez de Kirchner gestures during a signature meeting at Government Palace in Buenos Aires on August 20, 2015. AFP PHOTO / JUAN MABROMATA
Condividi

Analisi senza intermediari della visita di papa Francesco

Quasi nello stesso momento in cui l’aereo di papa Francesco starà atterrando sulla pista dell’aeroporto internazionale de L’Avana, starà facendo lo stesso quello della sua connazionale Cristina Fernández de Kirchner, Presidente dell’Argentina.

Una coincidenza? Si dice che in politica non esistano casualità, e men che meno con le elezioni presidenziali argentine tanto vicine, visto che si svolgeranno il 25 ottobre.

Se il papa non va in Argentina, proprio per questo, il Presidente del Paese va a Cuba per stare in prima fila nella Messa che verrà celebrata in Plaza de la Revolución?

L’annuncio ufficiale della stampa cubana è scarno: “L’eccellentissima signora Cristina Fernández de Kirchner, Presidente della Repubblica Argentina, arriverà a Cuba la mattina di questo sabato 19 settembre, in visita ufficiale. Durante la sua permanenza, il Capo di Stato sosterrà conversazioni ufficiali con il Generale dell’Esercito Raúl Castro Ruz, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, e svolgerà altre attività”.

In passato, quando il marito Néstor era vivo ed era Presidente argentino, i Kirchner si tenevano lontani dal cardinal Bergoglio, che non era neanche tra i preferiti di Cristina una volta diventata Presidente. Ora, seguendo la moda di Raúl Castro, stare al fianco di papa Francesco suscita simpatie (in un momento in cui la popolarità della Kirchner non è certo alta e con le elezioni imminenti).

Nel 1998, quando Giovanni Paolo II si è recato a Cuba, alla Messa era presente Gabriel García Márquez, grande amico di Fidel. Nel 2012, durante la visita di Benedetto XVI, il “grande presente” fu proprio Fidel Castro, che tra le altre cose chiese al pontefice cosa fa un papa.


Ora, in assenza di Hugo Chávez, con Nicolás Maduro che barcolla in Venezuela ed Evo Morales visitato di recente in Bolivia da Francesco, chi avrà deciso di essere la protagonista, quella che porta avanti la scia lasciata in America Latina dalla rivoluzione cubana?

 

 

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni