Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché i cattolici tengono Cristo sulla croce?

Charles-Clegg-CC
Condividi

Il cristianesimo non celebra la resurrezione?

Domanda: Un amico mi ha chiesto perché noi cattolici abbiamo dei crocifissi nelle nostre chiese – non crediamo che Gesù sia risorto? Perché lo teniamo sulla croce?

Risposta: In primo luogo, si potrebbe consultare la prima Lettera ai Corinzi, capitolo 1, versetto 23, in cui Paolo dice: “Noi predichiamo Cristo crocifisso”. Perché Paolo predica Cristo crocifisso? Non sa che Gesù è risorto dai morti? Ovviamente sì! Ma sa che è attraverso il potere del Cristo crocifisso sulla croce che i vincoli del peccato e della morte sono spezzati. Come dice al versetto 24, Cristo crocifisso è la “potenza di Dio”.

Sempre nella prima Lettera ai Corinzi si legge: “Io ritenni infatti di non sapere altro in mezzo a voi se non Gesù Cristo, e questi crocifisso” (2, 2). Ancora una volta Paolo non sapeva che Gesù era risorto dai morti? Ovviamente sì.

Paolo predica Cristo crocifisso perché una croce vuota non ha potere. La croce che porta il corpo picchiato, distrutto e sanguinante di Gesù Cristo, tuttavia, quella croce è la “potenza di Dio”. Per questo “teniamo Cristo sulla croce”, perché anche noi predichiamo Cristo crocifisso. E il crocifisso ci ricorda non solo la potenza di Dio, ma anche il Suo amore per noi che lo ha spinto a consegnare il Suo unico Figlio alla sofferenza e alla morte.

In questa vita non condividiamo la gloria della Resurrezione quanto la sofferenza di Gesù sulla croce; dopo tutto, se vogliamo seguire Gesù dobbiamo prendere ogni giorno la nostra croce, come si legge in Luca 9, 23.

E dobbiamo morire con Cristo per vivere con Lui, come ci dice la Lettera ai Romani (6,8). Dov’è morto Cristo? Sulla croce. Il crocifisso ci serve da promemoria di queste cose.

Un altro passo da tenere a mente è Galati 3, 1: “O stolti Gàlati, chi mai vi ha ammaliati, proprio voi agli occhi dei quali fu rappresentato al vivo Gesù Cristo crocifisso?” Capito? Gesù è stato ritratto pubblicamente, davanti ai loro “occhi”, come crocifisso. Sembra che guardassero un crocifisso, vero?

——
John Martignoni è un apologeta cattolico e studioso della Bibbia. È fondatore e presidente della Bible Christian Society, dove si può trovare una gran quantità di materiale apologetico – CD, mp3 da scaricare, e-newsletter e altro – e ospite del programma di EWTN “Open Line”. È anche direttore dell’Ufficio per la Nuova Evangelizzazione della diocesi di Birmingham (Alabama, Stati Uniti).

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.