Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Indissolubilità del matrimonio e celibato ecclesiastico: due leggi diverse?

© Gajus / SHUTTERSTOCK

Toscana Oggi - pubblicato il 03/08/15

Si parla di indissolubilità estrinseca «assoluta» soltanto in riferimento al matrimonio «rato» e «consumato». In questo caso il matrimonio «non può essere sciolto da nessuna potestà umana e per nessuna causa, eccetto la morte» (can. 1141). La consumazione realizza la stabilità del vincolo sacramentale, essendo a essa ordinato per sua natura, e la pienezza dell’immagine sponsale che porta a essere «una sola carne» (can. 1061 §1).

Fatte queste premesse, si conclude che nessuno può decidere da se stesso o in accordo con il coniuge lo scioglimento del vincolo del proprio matrimonio (indissolubilità «intrinseca»). Riguardo all’indissolubilità «estrinseca», quando essa sia «assoluta», come nel caso del matrimonio rato e consumato, nessuna potestà umana e per nessuna causa può sciogliere il valido vincolo sacramentale, eccetto la morte (can. 1141). Al di fuori di questo specifico caso, il vincolo valido che sorge da un matrimonio tra due persone battezzate oppure tra una persona battezzata e una non battezzata, indipendentemente dalla consumazione, è «estrinsecamente» indissolubile, ma in modo «relativo», cioè per «giusta causa» solo il Romano Pontefice può concedere la dispensa in virtù della sua potestà vicaria (cann. 1142; 1698 §2). Va sottolineato che la Chiesa si limita a esercitare la sua competenza sul matrimonio dei cattolici, anche se una sola delle parti sia cattolica (can. 1059). Pertanto, lo scioglimento del vincolo «relativamente» indissolubile non è una dichiarazione di nullità, ma una grazia e, trattandosi di un procedimento amministrativo di carattere discrezionale, con i nuovi Accordi stipulati fra la Santa Sede e la Repubblica Italiana il 18 febbraio 1983, non produce più l’esecutività degli effetti sul piano civile dell’indulto pontificio, cioè non è soggetto a delibazione.

Riconducendo queste riflessioni alla domanda del lettore, si può notare senza difficoltà che il sacramento dell’ordine nella sua istituzione divina non include tra gli elementi strutturali essenziali il celibato ecclesiastico che corrisponde a una legge meramente ecclesiastica in vigore nella Chiesa Cattolica di rito latino. Senza entrare in ulteriori distinzioni e differenziazioni all’interno dell’ordine sacro tra diaconato e presbiterato, e tra Chiesa di rito orientale sia cattolica che ortodossa, la concessione della dispensa dal celibato, preceduta dalla dimissione dallo stato clericale, non significa che tolleri la coesistenza di due stati di vita oppure due scelte di vita tra loro contrarie, dovute a un ripensamento. Significa invece che in questo caso con la dispensa la Chiesa concede quello che è in suo potere di fare, se ve ne sono i presupposti.

Al contrario, il sacramento del matrimonio, oltre a essere sacramento permanente, qualora il vincolo sia indissolubile in modo «assoluto», come per il matrimonio rato e consumato, nessuna autorità umana, neppure il Papa può scioglierlo. Resta la possibilità dello scioglimento del matrimonio «per giusta causa» qualora il vincolo sia indissolubile, ma in modo «relativo», come nei casi sopra elencati. Purtroppo, questa modalità di scioglimento, quando ve ne siano i presupposti, non trova interesse da parte dei coniugi  per il mancato riconoscimento da parte dello Stato.

Pio XII in un discorso tenuto presso l’Università di Vienna il 3 giugno 1956, circa il limite del potere di dispensa del Papa ai matrimoni rati e non consumati, ebbe a dire che la Chiesa «se si comporta così non è per insensibilità o eccessivo rigore giuridico, come se non avvertisse le tragedie che spesso si verificano nei casi concreti, ma semplicemente per restare fedele al diritto matrimoniale segnato nei suoi limiti dal suo stesso Fondatore e che la Chiesa non può oltrepassare».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
celibato sacerdotalediritto canonicomatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni