Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La tassa sulle religioni in Germania è giusta?

Pam Morris
Condividi

Fa scalpore il caso del calciatore Luca Toni, che deve al fisco tedesco 1,7 milioni di euro. Il canonista Pacillo: ecco perché la linea della Chiesa Tedesca è discutibile

Identificarsi come cattolico e non pagare la "tassa sulle religioni" fa scattare una procedura di infrazione nei propri confronti: è quello che è successo di recente al calciatore italiano Luca Toni, che secondo la Chiesa cattolica tedesca deve 1,7 milioni di euro di tasse non pagate durante le sue due ultime stagioni al Bayern Monaco fra il 2008 e il 2010 (Toni ha detto che non era stato informato della tassa dalla sua commercialista) (Il Post, 16 luglio).

In Germania, infatti, segnalare nella dichiarazione dei redditi la propria appartenenza alla religione – cattolica, protestante o ebraica – equivale ad autorizzare il pagamento di una ulteriore tassa pari all’8-9 per cento delle proprie imposte. Se non la si vuol pagare, si deve abbandonare ufficialmente la propria Chiesa con un atto ufficiale di “rinuncia” (che ha un costo fisso, di solito attorno ai 30 euro).

Nel 2012 la conferenza dei vescovi cattolici tedeschi ha emanato un decreto che vieta a chi non ha pagato la tassa “speciale” di ricevere i sacramenti, e cioè per esempio di ricevere la comunione o sposarsi in chiesa.

UN SISTEMA "NON SPONTANEO"
«La cosiddetta Kichensteuer o "tassa sulle religioni" – precisa ad Aleteia il professore Vincenzo Pacillo, docente di di Diritto Canonico ed Ecclesiastico presso l’Università di Moderna e Reggio Emilia – è un sistema di autofinanziamento della Chiesa, regolamentato dallo Stato. Non è un sistema di finanziamento spontaneo, nel senso che i fedeli devono pagare un’imposta alla Chiesa, che è considerata un ente di diritto pubblico».

COME EVITARE DI PAGARLA
In quanto ente di diritto pubblico la Chiesa cattolica, «va sovvenzionata da coloro che appartengono ad essa; le Diocesi stabiliscono un’aliquota che sostanzialmente è un corrispettivo per i servizi erogati dalla stessa Chiesa. Posso evitare di pagare questa imposta – evidenzia Pacillo – previa una dichiarazione di uscita (Kirchenaustritt) presso l’ufficio del Registro della propria parrocchia (Standesamt) o il tribunale distrettuale (Amtsgericht)».

CALO DEI FEDELI
Ciò spiega, evidenzia l’esperto di Diritto Canonico ed Ecclesiastico, il perché nei Paesi francofoni ed in particolare in Germania, la Chiesa Cattolica o Protestante, hanno percentuali di fedeli inferiori a quella italiana (90% circa). «Se vuoi restare cattolico o protestante senza pagare l’imposta sei automaticamente un evasore, come nel caso di Luca Toni. Ecco perché negli ultimi anni, segnati dalla crisi economica globale, c’è stato un aumento di coloro che hanno avviato procedure di uscita dalla Chiesa, evitando così di pagare la tassa».

LA SCOMUNICA
In questo contesto, però, evidenzia Pacillo, «ci sono aspetti ecclesiologici un po’ controversi: se non paghi sei evasore, oppure dicevamo devi fare dichiarazione di "uscita" dalla propria Chiesa di appartenenza. Questa "uscita" secondo la Conferenza Episcopale Tedesca è punita con la scomunica, come un atto di apostasia. Si presume cioè che il fedele lasci la Chiesa perché non crede più nei suoi dogmi di fede. In realtà, in non pochi casi, si firma la dichiarazione di esenzione dall’imposta per un altro motivo: perché si vuole evitare il prelievo fiscale, che è una cifra importante, non parliamo di pochi euro».

IL CASO SVIZZERO
I canonisti, prosegue il giurista, «esprimono tendenzialmente dubbi su questo atteggiamento della Chiesa Tedesca. In Svizzera, ad esempio, la tassa c’è, ma il non-pagamento di essa, non prevede automaticamente la scomunica. D’altro canto, non si capisce bene quale sia il delitto canonico commesso dal fedele che – senza essere apostata – decida di non pagare l’imposta di culto».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni