Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconNews
line break icon

20 errori che non avrei dovuto commettere

Kathryn-cc

La Opción V - pubblicato il 09/07/15

Commento #3: Il pentimento è come un dolore del cuore. È un dolore interno che ti avverte di una ferita. È un’allerta interiore.

Lui scompariva per qualche settimana, poi tornava e io lo accoglievo di nuovo e non riuscivo a dirgli tutto ciò che mi ero proposta.

Errore #17: Accoglierlo di nuovo dopo che era scomparso. Perdonargli tutto, perché “ora sarà diverso”.

Commento #4: Egli ti controlla e ti domina. Appena ti trovi davanti a lui, dimentichi tutto ciò che avevi progettato di dirgli, sei incapace di dirgli NO. Sa che con te può fare tutto ciò che vuole.

Una volta è arrivato da me quando avevo bevuto un po’ di più a una festa, anche se non ero ubriaca, e ho perso la mia verginità con lui. Avevo 22 anni.

Errore #18: Bere troppo e lasciarlo entrare nel tuo appartamento quando sei sotto l’effetto dell’alcool. L’alcool disinibisce, e quando passa il suo effetto è ormai troppo tardi. Dopo mi sono sentita a pezzi, anche se mi sono alzata e sono andata a lezione come sempre, con un sorriso da un orecchio all’altro come se non fosse successo niente.

Commento #5: Quante donne, sotto quel sorriso, nascondono il danno che fanno loro relazioni simili? 

Quando l’ho incrociato non mi ha neanche guardato, anzi, ha iniziato a dare fastidio ad altre ragazze.

Commento #6: Quando una donna dà qualcosa, anche solo un bacio, spera di essere l’unica, si aspetta qualcosa in cambio, attenzione. È terribile quando il giorno dopo lui neanche ti guarda. Capisci che per lui non ha avuto significato, sei stata solo un’altra conquista.

Sono passati i giorni e mi ha scritto dandomi ordini su ciò che dovevo fare, con chi dovevo parlare o no, ecc. Si sentiva il mio padrone, e la cosa più grave è che ho iniziato a sentire che dovevo fargli caso.

Commento #7: Effetto tipico quando un uomo fa sesso con una donna vergine: si crede il suo padrone.

Sono passati i mesi, è tornato una volta e siamo stati nuovamente insieme.

Errore #19: Riparlare con lui una volta che gli hai detto che è finita. Non ricordare i motivi per i quali hai deciso di porre fine a quel rapporto.

Alla fine ho preso coraggio e ho iniziato ad avere la forza di negarmi. Non nego che ci fossero dei baci, ma erano brevi. Poi lui ha iniziato a dire che mi amava, che tutto quello che c’era stato tra noi era stato molto bello, e io ho iniziato a confondermi, a pensare che fosse amore, ho iniziato a ricordare i nostri incontri e a voler stare con lui, ho iniziato a non pensare a Dio e a credere che Egli approvasse quella relazione.

Commento #8: Tipica manipolazione emotiva e sentimentale, dire alla donna che la si ama. L’unico obiettivo è farla cadere nuovamente.

Ho deciso di parlare con lui per stare insieme da fidanzati, “formalizzando” la relazione.

Errore #20: Credere che la soluzione sia “formalizzare”. Non volerlo lasciar andare è un grave errore, è sbagliato “lottare per quell’amore” quando è dannoso. L’unica soluzione è allontanarsi. Lui diceva che l’amore non esiste e che l’unica cosa che conta è divertirsi. È arrivato perfino a dirmi che dovevo provare a stare con altre persone! Mi odiavo tanto, sono arrivata addirittura a voler morire. Non capivo perché mi fosse successo tutto questo, perché Dio lo avesse permesso, e per il tanto dolore ho iniziato perfino a rinnegare l’amore di Dio.

Commento #9: Tipica reazione immatura: dare a Dio la colpa delle cattive decisioni che si prendono. Dio ti ha avvertito tutto il tempo! Non era stato Lui a mettere in te tutti quegli allarmi? La tua intuizione? La voce della tua coscienza che ti diceva che non era giusto? Il dolore del pentimento? La vergogna? Se nonostante tutto abbiamo deciso di continuare, non è colpa di Dio.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
coppia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni