Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 04 Agosto |
Sant'Aspreno
home iconStile di vita
line break icon

Gender: quella strana paura della differenza uomo-donna

Lasse Christensen

Pontificio Consiglio per i Laici - pubblicato il 19/06/15

Una scheda sintetica proposta dal Pontificio Consiglio per i Laici

SCHEDE SINTETICHE SUL GENDER SITUAZIONE ATTUALE
Definizione della “teoria gender”: l’idea secondo cui l’essere uomo o donna 
non corrisponderebbe a un dato biologico ma ad una costruzione culturale, 
una questione di “scelta”. L’identità sessuata, cioè l’essere uomini o donne, 
viene sostituita dall’identità di genere, cioè dal “sentirsi” tali, a prescindere dal 
dato biologico, con la possibilità di variare il proprio orientamento sessuale in 
base alla “percezione” del momento.
Percezione diffusa nell’opinione pubblica: si confonde facilmente la “teoria 
gender” con l’educazione sessuale o con la rivendicazione alla piena parità 
uomo-donna. 
Si tratta di un “pensiero unico” (Papa Francesco, 11 aprile 2014) e di una
“colonizzazione ideologica” (Papa Francesco, 19 gennaio 2015) che si sta 
imponendo a tutti i livelli, utilizzando vari canali, nel caso italiano:

Canale normativo (leggi ambigue che si tenta di far approvare in 
Parlamento):
Esempio: DDL (disegno di Legge) Scalfarotto, approvato alla Camera il 19 
settembre 2013, che introduce il reato di omofobia e transfobia.

Osservazioni:

 Non vi è nessuna definizione della scienza medica che annoveri 
l’omofobia tra le varie “fobie” e non c’è nessuna legge dell’ordinamento 
giuridico italiano che ne definisca la natura di reato; non lo fa neppure il 
DDL Scalfarotto. Da qui i rischio di infinite confusioni, ambiguità e 
manipolazioni.
 Rischio di compromettere il diritto alla libertà di opinione: art. 21 della 
Costituzione Italiana: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il 
proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. 
Chiunque esprime, in materia di etica sessuale, un’opinione diversa da 
quella propagandata dalla gender-intellighenzia potrebbe essere tacciato 
di omofobia e punito con la galera.
 Rischio di compromettere tutto il sistema giudiziario, che deve essere 
basato su fatti criminali oggettivamente riscontrabili. Qui non ci si basa 
più su ciò che viene oggettivamente fatto o detto da un presunto 
omofobo ma semplicemente sulla “percezione” che ne ha avuto la 
sedicente vittima. Ognuno, in materia di orientamento sessuale, potrebbe 
“sentirsi” offeso da chiunque altro, anche per futili motivi.
Altri esempi sono il DDL Cirinnà che vuole riconosce le unioni civili (ossia il 
matrimonio omosessuale e, di conseguenza, per volontà dell’Unione Europea, a 
quel punto l’Italia sarà costretta ad approvare le adozioni di minori da parte di
coppie omosessuali); il DDL Fedeli che vuole imporre l’insegnamento 
dell’ideologia del gender in tutte le scuole.


Canale giudiziario
(sentenze dei giudici inquinate dal nuovo pensiero 
unico): 
Esempio
: sentenza del tribunale di Messina del 4 novembre 2014; ha affermato 
che l’identità di genere di una persona “può prescindere transitoriamente o
definitivamente dall’intervento chirurgico che modifica i suoi caratteri sessuali 
primari” (ad un ragazzo di Messina è stato riconosciuto il diritto di avere scritto 
“femmina” sulla carta d’identità anche senza sottoporsi ad alcun intervento
chirurgico). Il gender sta penetrando anche attraverso il braccio armato della 
legge!
Canale culturale (indottrinamento nelle scuole):

Nella scuola italiana è in atto una vera e propria strategia di “colonizzazione 
ideologica” (Papa Francesco), anche se i genitori non sono minimamente 
coinvolti nelle scelta educative degli insegnanti. 

 Numerose iniziative sono state avviate in esecuzione alla Strategia 
nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate 
sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere (2013.2015), 
documento propagandato dall’UNAR (Ufficio Nazionale 
Antidiscriminazione Razziale) – Presidenza del Consiglio dei Ministri, in 
esecuzione della raccomandazione CM/REC (2010) del Comitato dei 
ministri del Consiglio d’Europa. 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
Tags:
ideologia gender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
2
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
5
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
6
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
7
Gelsomino Del Guercio
Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni