Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che fare se il parroco è difficile? 7 consigli

Catholic Church England and Wales
Condividi

Aiuta ricordare che i sacerdoti sono persone con tutte le loro mancanze umane

Vorrei chiederle un consiglio: guido un gruppo di giovani della mia parrocchia, ho formato un gruppo di chierichetti, un gruppo di preghiera e un coro. Purtroppo il nostro sacerdote è molto tradizionalista, non gli piacciono le chitarre e abbiamo avuto dei problemi con lui. Vuole sempre fare ciò che dice lui e non è giusto perché la Chiesa siamo tutti. Sto con il gruppo da tre anni e mezzo ma sento che si disgrega a poco a poco. Cosa posso fare?

“Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati” (Eb 5, 1)

Ricordiamo innanzitutto che il sacerdote è un uomo. Un uomo che soffre, che sente, che sbaglia e piange. Senza idealizzare la figura sacerdotale, i fedeli ricordino che tra le debolezze umane noi sacerdoti siamo impegnati in una missione difficile, spendendoci al servizio di Dio e del suo Popolo. Non siamo perfetti, ma qualcuno lo è?

Può essere facile esigere dal sacerdote che sia santo… A volte i laici sono tanto esigenti con i loro sacerdoti quanto sono condiscendenti con le proprie debolezze.

Un fedele, invece di essere un “megafono” di difetti e miserie altrui, deve chiedersi cosa fa perché il suo sacerdote viva il proprio sacerdozio con gioia. Prega per il suo sacerdote? Si interessa al suo benessere? Lo accompagna con comprensione, di fronte al suo esaurimento, al suo scoraggiamento o alla sua malattia?

Bisogna pregare molto per il parroco. È una persona come tutti e ha bisogno dell'accompagnamento a cominciare dalla preghiera. I fedeli, quando trattano con i sacerdoti, ricordino che sono persone come chiunque altro con tutti i loro difetti umani; l'unica differenza tra un fedele e un sacerdote sono le mani consacrate di quest'ultimo. Il fedele che soffre per l'atteggiamento del suo parroco deve offrire la sua sofferenza per gloria di Dio e conversione di tutti.

Fatta questa introduzione e passando ora concretamente all'inquietudine del lettore, vedo che l'unica obiezione del parroco è all'utilizzo della chitarra. Il problema è solo questo? Il parroco accetta il gruppo di chierichetti, accetta il gruppo di preghiera e accetta il coro ma senza chitarre, quindi si può organizzare il coro senza questo strumento. Ad esempio, se nessuno sa suonare altri strumenti si può organizzare una corale.

Indipendentemente da com'è il parroco o da quello che permette o meno di fare, ecco qualche considerazione:

1. Ricordare che un aiuto è solo questo, un aiuto o una collaborazione; non si può pretendere di fare più di quello che fa il parroco, che si potrebbe sentire soppiantato e potrebbe voler far vedere che il parroco è lui. Per fortuna o purtroppo tutti noi sacerdoti non smettiamo di essere esseri umani.

2. Non entrare in conflitto con il responsabile della parrocchia. Finché è il parroco bisogna accettare le sue direttrici, anche se ci sembrano sbagliate. È lui ad avere l'ultima parola e a dover rispondere della parrocchia davanti a Dio e alla Chiesa. In questo caso, credo che non ci sia bisogno di ricorrere a un'istanza superiore perché cambi, perché la cosa non è grave; farlo provocherebbe dispiaceri che danneggerebbero la vita della parrocchia e le relazioni fraterne.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni