Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Viene ordinato sacerdote, ha un incidente automobilistico e perde la memoria…

© DR
Condividi

Romanzo “L'ultimo ricordo”: la storia di padre Matt

Cosa faresti se tutti i tuoi ricordi, che ti definiscono e ti fanno essere chi sei, scomparissero all'improvviso? È la domanda sottostante alla storia raccolta nelle pagine del libro El último recuerdo (L'ultimo ricordo) di Javier Gaxiola, L.C., che abbiamo intervistato a proposito del lancio della sua prima opera letteraria, il cui protagonista è un giovane sacerdote che perde la memoria poco dopo aver ricevuto l'ordinazione sacerdotale…

Di cosa tratta El último recuerdo?

È la storia di un sacerdote americano ordinato da poco che ha un incidente automobilistico e perde gli ultimi 14 anni della sua memoria. Dimentica come ha scoperto la sua chiamata e le ragioni del suo ingresso in seminario. Questo gli provoca una crisi esistenziale e lo porta a intraprendere un viaggio nel passato per ritrovare motivazioni e ricordi.

Come le è venuta questa idea? È una storia inventata o è vita vissuta?

È un miscuglio di realtà, creatività e ispirazione. Realtà perché la storia è basata su fatti reali. È accaduto a un sacerdote legionario di Cristo, padre Stephen Gormley. Ha svolto il suo ministero in Brasile. Aveva 36 anni quando in uno dei suoi viaggi, tre anni dopo la sua ordinazione sacerdotale, ha subito un incidente automobilistico che lo ha lasciato invalido e gli ha provocato una progressiva perdita della memoria. Mi ha sempre colpito molto, e ho iniziato a immaginare cosa succederebbe se un sacerdote ordinato da poco avesse un incidente simile e perdesse la memoria, se dimenticasse totalmente di essere sacerdote e la storia del cammino compiuto in seminario.

C'è creatività perché la storia parte dal fatto reale, ma allo stesso tempo si delinea una trama di finzione, seguendo uno schema di salti tra presente e passato. Sono sempre stato un fan dei film, e soprattutto di quelli che giocano con il tema del tempo. Ultimamente ho letto vari libri di sceneggiatori di Hollywood, il cui risultato è una storia che cerca di accattivare il lettore fin dalla prima pagina.

C'è ispirazione perché ho sempre voluto scrivere un libro, ma non era arrivato il momento giusto. Dio mi ha donato l'ispirazione, e una volta che la penna ha iniziato a scrivere non sono più riuscito a fermarla.

A chi è rivolto il libro?

Adolescenti, giovani e adulti. La storia ti accompagna in una riflessione profonda sul rapporto tra memoria e identità. Affronta i tuoi ricordi e li confronta con la tua personalità. Il passato è semplicemente passato o condiziona e sostiene il tuo presente? Siamo quello che siamo perché lo ricordiamo o perché lo decidiamo? La storia suggerisce temi che sono alla base delle nostre riflessioni più esistenziali e fondamentali, e a volte non troviamo il tempo per soffermarci e rifletterci. Credo davvero che se ci pensassimo di più ci risparmieremmo molte frustrazioni, conflitti di coppia, problemi di relazioni tra amici e soprattutto nel nostro rapporto con noi stessi e con Dio.

È un libro vocazionale?

Sì, ma non è promozionale. È vocazionale inteso come il cammino verso la felicità e verso la pienezza personale. Il protagonista è un sacerdote, e questo fa sì che il lettore possa addentrarsi in modo mai raccontato prima nel mondo dei sacerdoti e dei seminaristi. In qualche modo è una risposta alla domanda che mi hanno fatto da quando sono entrato in seminario: “Perché vuoi diventare sacerdote? Come sai che Dio vuole questo per te?” Credo che non esista un romanzo scritto da un seminarista che riveli tanto del processo vocazionale di una chiamata al sacerdozio quanto questa storia. Per questo il romanzo è unico: è un'opportunità preziosa per conoscere da dentro la psicologia e la struttura di una vocazione di un'anima consacrata a Dio.

I personaggi sono reali?

Sì, ma sono allo stesso tempo un miscuglio di molte persone che ho conosciuto. Matt e Andrew sono amici del seminario, ma la maggior parte dei personaggi è costituita da persone che riflettono tutti noi. In qualche modo, proiettano atteggiamenti con i quali ci identifichiamo e dai quali possiamo imparare molto: Joe è quello che lotta instancabilmente contro Dio; Megan è l'amore incondizionato; Debbie è il romanticismo e la fedeltà alla coscienza; Andrew è l'amico fedele; padre David è il sacerdote e la guida spirituale; Lucía è l'amore gratuito e disinteressato. Matt è anche ciascuno di noi, che cerchiamo senso e una felicità duratura.

Perché bisognerebbe leggere questo libro?

In primo luogo per godersi una bella storia agile e innovativa. In secondo luogo per riflettere: tutti arriviamo a un momento nella vita in cui ci interroghiamo sulle motivazioni che ci tengono in piedi. Ci chiediamo se le decisioni che prendiamo o che prenderemo sono quelle corrette. Il libro offre principi di discernimento e idee per poter prendere buone decisioni e rimanere fedeli a quelle prese. Condivide infine insights della vita sacerdotale in un seminario che non potremmo conoscere in altri modi. È un ritratto dal di dentro, che parla di ciò che c'è nel cuore di un sacerdote o di un seminarista dei nostri tempi.

Il suo romanzo ha un epilogo…

Sì. In realtà più che una continuazione della storia è una riflessione conclusiva. L'ha scritta un sacerdote e amico che stimo molto, monsignor Jorge Carlos Patrón Wong, segretario per i Seminari presso la Congregazione vaticana per il Clero. Lo ringrazio infinitamente per il suo sostegno e la sua riflessione, che è inserita alla fine del libro. Aiuta molto il lettore a concretizzare il messaggio centrale della storia, oltre a darle uno straordinario sigillo di garanzia. Essendo l'attuale incaricato dei seminari a livello internazionale ed essendo stato per tanti anni rettore di un seminario, mi sento profondamente onorato per il fatto che gli sia piaciuta la storia e l'abbia completata con questo cameo.

Come si può acquistare il suo libro?

Si può richiedere a pedidosultimorecuerdo@gmail.com o comprarlo nel negozio virtuale della casa editrice El Arca (enlace). Si può anche visitare la pagina del libro su Facebook, dove si troveranno interessanti articoli su temi ricorrenti nel libro e descrizioni più dettagliate dei personaggi, oltre ad avere la possibilità di interagire con l'autore.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni