Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

15 ragioni per innamorarti follemente della Comunione

© PublicDomainPictures
Condividi

Chi si comunica ha dentro di sé Gesù, come lo ha avuto Maria nei nove mesi di gravidanza

Il sacramento dell’Eucaristia è così grande che ci permette di nutrirci di Cristo e di gustare il cielo sulla Terra. Se il nostro corpo sarà dimora di Gesù, c’è qualcosa che possiamo fare per accoglierlo meglio?

1. Non è una follia pensare che in un pezzo di pane c’è Cristo stesso?

È sicuro, è una follia. Solo Dio può aver pensato e fatto qualcosa di così grande, ma dal punto di vista dell’amore è assai ragionevole. Quando una madre ha tra le braccia il proprio bambino, piena di amore, lo abbraccia, e visto che le sembra poco baciarlo dice “Ti mangerei”. È quello che fa Dio: permette che lo mangiamo. E per questo ha scelto un alimento umile, semplice e alla portata di tutti.

2. In che modo Cristo è presente nel pane e nel vino?

L’Eucaristia nasconde Gesù. Tutto Gesù è presente dietro l’apparenza del pane. Chi si comunica ha dentro di sé Gesù, in modo reale e fisico come lo ha avuto Maria nei nove mesi della sua gravidanza. Ovviamente in modo diverso: nascosto dietro le figure del pane e del vino, ma presente in Corpo, Sangue, Anima e Divinità in ogni particella delle sacre specie.

3. Perché mangiare l’ostia sacra anziché limitarsi a venerarla?

Perché Cristo è rimasto proprio perché lo mangiamo; altrimenti avrebbe scelto un altro modo di rimanere. Quando istituisce l’Eucaristia, dice “Prendete e mangiate”, non “Prendete e venerate”. È rimasto per nutrirci! Non solo perché lo adorassimo. Il senso radicale dell’Eucaristia è il cibo.

Lo verifichiamo rileggendo il capitolo 6 del Vangelo di Giovanni: inizia con la moltiplicazione dei pani (con i quali sazia la fame materiale), passa a parlare della manna (il pane del Cielo, con il quale Dio nutriva tutti i giorni il popolo nel deserto) ed è in questo contesto che Gesù promette l’Eucaristia (il pane della vita eterna: il suo stesso essere).

4. Cosa ci apporta il fatto di comunicarci?

Tutto. Divinizza la nostra vita. Ci apporta l’essenziale, quello che ingrandisce la nostra vita e la rende eterna: la vita di Cristo, la vita eterna, vivere in Dio. E perché la nostra vita in Lui sia piena, ci viene dato come alimento. Per santificarci, purificarci, divinizzarci, rafforzarci, farci crescere, riempire la nostra vita di Lui… La cosa più grande che possiamo fare nella nostra vita è nutrirci di Cristo, diventare una “cosa” sola con Lui.

5. Quali effetti può avere sulla nostra vita il fatto di comunicarci spesso?

Tutti i benefici che alimentarsi produce nel corpo li produce l’Eucaristia a tutti i livelli, nel corpo e nell’anima. Non è un cibo solo spirituale: mangiamo il suo corpo e beviamo il suo sangue!

Nella nostra esistenza corporea non basta mangiare una volta. Abbiamo bisogno di mangiare spesso, e grazie al cibo abbiamo energia. Il fine della vita cristiana è cristificarci, identificarci con Cristo. E a questo scopo abbiamo bisogno di una forza divina che ci trasformi: questa forza ce la fornisce l’Eucaristia.

6. Ricevendolo spesso non potremmo banalizzare la grandezza dell’atto?

Dobbiamo stare attenti perché la facilità con cui ci viene donato non ci faccia perdere la consapevolezza della grandezza del dono. Sarebbe triste abituarci a comunicarci e farlo come se non fosse qualcosa di speciale.

La soluzione per desiderarlo di più non è distanziare nel tempo le Comunioni, ma evitare il pericolo della routine. E il grande rimedio alla routine è la preghiera: quando meditiamo sulla grandezza dell’Eucaristia, ci innamoriamo dell’amore che Dio ha per noi. Il tesoro è così grande – è Dio – che non finiremo mai di abbracciarlo.

7. Dobbiamo comunicarci anche se ci sentiamo indegni di ricevere Cristo?

Ci sono persone che smettono di comunicarsi perché si sentono indegne, ma per quanto possiamo sentirci indegni conviene comunicarsi se compiamo le due condizioni di base per ricevere la Comunione: essere in stato di grazia e digiunare da un’ora.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni